Home / BLOG / CHIVASSO. Coronavirus: perché?
ospedale di Chivasso

CHIVASSO. Coronavirus: perché?

E siamo tutti contenti che il caso di un sospetto “coronavirus” all’ospedale di Chivasso, così come quello di Vercelli, quest’ultimo raccontato per filo e per segno da tutti i giornali, siano risultati negativo. Epperò, limitandoci a Chivasso, le linee guide ministeriali dicono che i sospetti vanno trattati in un determinato modo e ci sarebbero stati dei protocolli da attuare subito. E quindi delle due l’una o era un “sospetto” e l’Asl To4 non lo ha gestito correttamente o non era un sospetto e quindi tanto valeva fare il test… Per questo abbiamo dato per primi la notizia. Perchè dalla Direzione di via PO continuavano ad arrivare “non risposte”  e contemporaneamente ricevevamo telefonate di medici seriamente preoccupati per quel che stava succedendo.

Ci spieghiamo meglio. In base a quel che dicono le disposizioni, in attesa dei risultati del test, inviato all’Amedeo di Savoia, si sarebbero dovuto subito prendere nomi e cognomi di tutti coloro che in un modo o nell’altro erano entrati in contatto con il “sospettato”. Quindi limitare gli accessi all’ospedale. A Vercelli lo han fatto a Chivasso no.   Perché?

Ecco cosa si è fatto per esempio a Biella….

Il coronavirus potrebbe essere alle porte di Biella

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

RONDISSONE. Carla Valle va in pensione dopo 43 anni in Comune

Per lei nessuno è mai stato “soltanto un numero”. Dopo oltre quarant’anni di servizio (43 …

TORRAZZA. Margherita Rosso: “Sono una donnetta, una nonnetta, giro su un Pandino… e non ho diffamato nessuno!”

Qualche giorno fa Margherita Rosso, la pasionaria dei Pogliani, da sempre in prima fila sulla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *