Home / BLOG / CHIVASSO. Coronavirus: perché?
ospedale di Chivasso

CHIVASSO. Coronavirus: perché?

E siamo tutti contenti che il caso di un sospetto “coronavirus” all’ospedale di Chivasso, così come quello di Vercelli, quest’ultimo raccontato per filo e per segno da tutti i giornali, siano risultati negativo. Epperò, limitandoci a Chivasso, le linee guide ministeriali dicono che i sospetti vanno trattati in un determinato modo e ci sarebbero stati dei protocolli da attuare subito. E quindi delle due l’una o era un “sospetto” e l’Asl To4 non lo ha gestito correttamente o non era un sospetto e quindi tanto valeva fare il test… Per questo abbiamo dato per primi la notizia. Perchè dalla Direzione di via PO continuavano ad arrivare “non risposte”  e contemporaneamente ricevevamo telefonate di medici seriamente preoccupati per quel che stava succedendo.

Ci spieghiamo meglio. In base a quel che dicono le disposizioni, in attesa dei risultati del test, inviato all’Amedeo di Savoia, si sarebbero dovuto subito prendere nomi e cognomi di tutti coloro che in un modo o nell’altro erano entrati in contatto con il “sospettato”. Quindi limitare gli accessi all’ospedale. A Vercelli lo han fatto a Chivasso no.   Perché?

Ecco cosa si è fatto per esempio a Biella….

Il coronavirus potrebbe essere alle porte di Biella

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

SETTIMO. Gli alberi porteranno le api all’Ecomuseo

L’associazione “Il Papavero” ha inaugurato lo spazio destinato al progetto “Naturalmente”. Sabato mattina, 23 gennaio, …

PONT. Inaugurato l’ufficio di prossimità per 77 mila abitanti

“Oggi in Canavese, grazie al costruttivo concorso dei diversi livelli istituzionali, l’amministrazione della giustizia si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *