Home / Dai Comuni / SETTIMO TORINESE. 20 casi positivi accertati nel presidio di Settimo. Sindacati sul piede di guerra
ospedale settimo
ospedale settimo

SETTIMO TORINESE. 20 casi positivi accertati nel presidio di Settimo. Sindacati sul piede di guerra

Riceviamo e pubblichiamo,

CGIL CISL E UIL esprimono forti preoccupazioni in merito alle scelte che continuano ad essere perpetrate dalla società SAAPA, dall’ASL TO 4 e dalla cooperativa P.G. Frassati.
Un reparto dell’ospedale, è stato destinato a reparto COVID, e i degenti che occupavano i posti letto della riabilitazione che dovevano essere riconvertiti, sono stati dimessi e mandati in altre strutture o al domicilio.
Alla luce dei circa 20 casi positivi accertati tra degenti, medici, infermieri e OSS, più una serie di casi sintomatici in attesa di tampone, riteniamo molto grave, che nessuno tra i dimessi sia stato sottoposto a test diagnostici per verificare un’eventuale positività al virus.
I risultati che una simile scelta potrebbe generare, sarebbero drammatici, sia in termini di propagazione dei contagi tra la popolazione, nei casi di rientri al domicilio, sia in termini di propagazione di contagi nelle case di riposo, che come la recente cronaca ci dimostra comporterebbero un alto rischio di mortalità di anziani fragili.
Ai fisioterapisti fino a ieri in servizio all’ospedale è stato chiesto di lavorare in un altro appalto, presso il Domicilio di alcuni degenti per conto dell’ASL TO 3.
Anche in questo caso, personale venuto a contatto stretto con casi confermati positivi, in assenza di dispositivi di protezione individuale, e quindi potenzialmente infetto, verrebbe mandato nelle case, a contatto stretto di utenti fragili e delle loro famiglie, senza considerarne il potenziale rischio.
La situazione si sarebbe aggravata proprio in questi ultimi giorni, in quanto a seguito della volontà di trasformare l’intero Ospedale in presidio COVID, la Direzione Sanitaria starebbe procedendo con le dimissioni degli utenti in misura massiccia senza effettuare tamponi.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Golf Club Settimo

GOLF. Al Golf Club Settimo si può giocare dal 18 maggio

Al Golf Club Settimo è finalmente tornato il sorriso. Da lunedì 18 maggio ha riaperto …

Baseball Club Settimo

BASEBALL. La prima squadra e l’Under 18 del Baseball Club Settimo sul diamante

“Si riparte con calma, ma almeno si riparte”. Luca Lavezzaro, responsabile della comunicazione del Baseball …

Un commento

  1. Avatar
    Catarinella Mauro

    Buongiorno,
    mio padre, di anni 85, è stato dimesso – credo in anticipo rispetto al percorso riabilitativo – dall’ospedale di Settimo il 27/03/2020 dopo un periodo di riabilitazione. Alla luce di quanto si è appreso dagli organi di informazione sulla situazione COVID19 che ha coinvolto degenti e lavoratori della struttura, faccio presente che a tutt’oggi 04/04/20, nessuno ha contattato mio padre per accertarsi delle sue condizioni di salute ed eventualmente sottoporlo agli opportuni accertamenti.
    La guardia medica suggerisce di contattare il proprio medico di base. Ma che razza di suggerimento è? Sappiamo tutti cosa può rispondere il medico di base. Penso che i pazienti dimessi debbano essere contattati dall’ASL competente e sottoposti agli opportuni accertamenti diagnostici.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *