Home / BLOG / SALUGGIA. Chi è Huma: “Vi racconto la mia esperienza a ‘X-Factor’”
Giovanni Humareda in arte Huma

SALUGGIA. Chi è Huma: “Vi racconto la mia esperienza a ‘X-Factor’”

Ieri sera lo abbiamo visto su Sky come partecipante al programma “X-Factor”… e ora Huma è qui per raccontarci questa sua avventura.

Giovanni Humareda, in arte Huma, è un ragazzo di Saluggia di vent’anni che ha da sempre la passione per la musica. Gli è nata da piccolissimo. “E’ un grande amore di famiglia, siamo peruviani e quindi la musica è nel nostro dna, a partire da quella latina che si balla. Il nostro contesto di vita ruota da sempre attorno alla musica. Negli anni, crescendo, la passione si è poi estesa ed è diventata la mia ragione di vita” ci spiega.

Ci racconta che il genere che fa attualmente è classificabile come rap/ trap e che lo fa perché gli piace ed inoltre è la musica che oggi va per la maggiore e rappresenta, quindi, un buon trampolino di lancio. Ma ci confessa che se riuscisse ad arrivare a vivere di musica gli piacerebbe dedicarsi al jazz e andarlo anche a suonare nei locali, imparando uno strumento.

Quando parla di sé, ne parla al plurale… questo “noi” rappresenta il suo team, a cui tiene tantissimo. Oltre a lui ci sono Quinto Dan (produttore musicale), Drop (fonico) e Nikos (direttore artistico, videomaker e fotografo). “Per me sono fratelli, ci lega prima una grande amicizia e poi il lavoro” afferma Huma.

Da bambino ha cominciato a cantare in chiesa e al doposcuola, non ha mai smesso. Ha iniziato poi a comporre i suoi pezzi e a pubblicarli online. Attualmente ha un suo canale YouTube di nome “HUMA”, la sua pagina Facebook “HUMA” e il suo profilo Instagram “thetrue.huma”.

Amo l’arte in generale, mi piace molto anche la pittura. In pochi lo sanno, ma frequento anche corsi di recitazione – racconta -. Sono da sempre un fan sfegatato del talent show ‘X-Factor’ e quest’anno ho deciso di provarci in prima persona a parteciparvi e ho inviato la mia candidatura… l’ho fatto, però, senza allegare la foto e il video che loro richiedevano e questo perché stavo un po’ cambiando idea al riguardo, dato che non mi sentivo ancora pronto. Con mia grande sorpresa, dopo qualche giorno, mi hanno chiamato per dirmi che ero stato selezionato. Il primo casting sarebbe stato online, tramite videochiamata. Eravamo nel periodo che precedeva il lockdown e il tutto sarebbe consistito nella presentazione di tre cover in inglese, tre cover in italiano e tre inediti facoltativi. Io gli dissi che non canto in inglese e che non faccio cover e così mi sono esibito solo con i tre brani inediti – racconta ancora -. Dopo qualche giorno mi hanno comunicato che avevo superato la selezione e avrei avuto accesso alla fase successiva. Sarei dovuto andare a Milano per cantare davanti ai giudici, ma non ancora quelli ufficiali del programma. Era poco dopo la metà di maggio, post lockdown, e mi sono mosso con tutti i permessi alla mano, ovviamente”.

Huma ci racconta ancora che l’esibizione è andata male, era nervosissimo, in particolare essendo fan accanito del programma… gli è mancato il fiato mentre cantava, una cosa mai capitatagli prima. “Ero molto demoralizzato nei giorni successivi, ma dopo due settimane mi hanno comunicato che ero passato allo step successivo: le audizioni di Roma – spiega -. Prima di andarci una troupe del programma è venuta a casa mia e nel mio studio “La Miniera Studio” di Torino, in strada della Pronda 52/94, per seguirmi in una giornata tipo, filmando il tutto. A Roma, a ‘Cinecittà’, ci sono poi andato da 5 al 7 luglio e mi sono esibito davanti ai giudici ufficiali di questa edizione di ‘X-Factor’: Emma Marrone, Manuel Agnelli, Mika e Hell Raton. E’ stata una giornata pesante ma fantastica. Ci hanno trattati come dei veri artisti, abbiamo fatto foto e interviste. Mi ha accompagnato mia mamma Fanny e mi sono esibito con un brano inedito dedicato a lei – spiega -. Ho ricevuto tre sì su quattro: da Emma, Manuel e Mika. Quest’ultimo mi ha chiesto come si chiama mia mamma, l’ha fatta salire sul palco e le ha chiesto se era fiera di me. Mamma ha risposto di sì e lui ha detto che allora anche per lui era sì. Ero felicissimo. Dal 25 al 27 luglio sono poi tornato a Roma per la selezione successiva, i ‘Bootcamp’”. 

Ho da poco firmato per un management e ora ho un manager che si occupa del mio personaggio. Sono usciti diversi miei nuovi brani online e prima di fine anno sarà pronto il mio disco. Sono decisamente felice e soddisfatto”  ci anticipa prima di salutarci.

Commenti

Blogger: Alessandra Sgura

Alessandra Sgura
Conosciamoli meglio

Leggi anche

Settimo. Guerriglia a Napoli, Borrini: “Condanno la violenza”

“Condanno espressamente quei delinquenti che a Napoli hanno aggredito le forze dell’ordine. Per loro mi …

IVREA. Dal “drive-in” per il Covid a Vito Catozzo?

Da mercoledì 28 ottobre sarà operativo il nuovo Punto di accesso diretto (senza prenotazione) di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *