Home / Dai Comuni / DRUENTO. Firmato il Protocollo della Legalità per la lotta contro le mafie
Druento ha firmato il “Protocollo della Legalità”
Druento ha firmato il “Protocollo della Legalità”

DRUENTO. Firmato il Protocollo della Legalità per la lotta contro le mafie

Anche Druento ha firmato il “Protocollo della Legalità”, diventando uno dei sette Comuni (assieme a Buttigliera Alta, Collegno, Grugliasco, Pianezza, Rivoli e San Gillio) ad essere unito per lottare contro le mafie e per promuovere la cultura della legalità.

“L’obiettivo – spiega l’assessore Alessandra De Grandis – è di rafforzare gli strumenti e gli interventi rivolti alle giovani generazioni sul tema della promozione della cultura della legalità democratica, del contrasto e della prevenzione delle forme di criminalità comune e organizzata, valorizzando la collaborazione tra istituzioni e cittadinanza al fine di prevenire comportamenti illegali”.

Il protocollo impegna i sette comuni a connettere le diverse iniziative rivolte ai giovani e a costruire momenti formativi e di scambio anche attraverso le realtà, locali e non, che già collaborano con le Amministrazioni, come “Libera” e “Avviso Pubblico”.

Tra i primi concreti provvedimenti l’impegno a promuovere in maniera congiunta la partecipazione dei giovani dei sette Comuni alla 25esima “Giornata della Memoria e dell’impegno”, che si terrà a Palermo il 21 marzo, organizzata da Libera e Avviso Pubblico. Questo anche attraverso un contributo pari al 50 percento del costo della quota di partecipazione per 20 giovani di età tra i 18 e i 30 anni residenti nei comuni o che frequentino o studino nei comuni del Protocollo, prevedendo la precedenza ai maggiorenni in caso di richieste superiori a 20 giovani.

Il protocollo prevede anche di contribuire al percorso formativo di avvicinamento alla Giornata organizzando congiuntamente un percorso formativo intercomunale, in collaborazione anche con Avviso Pubblico.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

L'ospedale di CastellamonteL'ospedale di Castellamonte

CASTELLAMONTE. Icardi: “L’ospedale non riaprirà, mancano i medici”

Mancano i medici: l’ospedale di Castellamonte non riaprirà nonostante le richieste del territorio per far …

Case Fanfani

CHIVASSO. Fumo e paura alle Case Fanfani, evacuate 24 famiglie

Chivasso. 24 famiglie sono state evacuate pochi minuti fa da un condominio Case Fanfani. Qualcuno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *