Home / BLOG / CHIVASSO. Insieme si può. Grazie ai volontari delle mascherine

CHIVASSO. Insieme si può. Grazie ai volontari delle mascherine

A Chivasso Insieme si può. Grazie ai volontari delle mascherine. Vorrei ancora trovarmi in quella sala consiliare, ad assaporare, nonostante il momento difficile che stiamo vivendo, quel senso di appartenenza alla comunità.
In cui non erano presenti limiti o diversità.
In cui non era importante l’appartenenza politica, l’età, il sesso o il colore.
In cui per una volta, ci si è sentiti parte di qualcosa, solo per aiutare il prossimo.
Un prossimo qualunque, che potesse essere il debole, l’anziano, il giovane o il bambino.

Ho in mente tanti volti, coperti da mascherine di ogni tipo.
Ho in mente tanti occhi e sguardi che sorridevano, tra una chiacchiera e l’altra.
Ho in mente mani che si sono unite anche se a distanza, solo per un obiettivo comune.
Ho in mente nomi, Rosalina, Alessia, Alfredo, Michela, Diana, Fabio, Claudio, Giovanni, Angela, Alessio, Alfonso e tanti altri ancora, che si sono alternati.
Alternati ogni giorno.
Chi per imbustare, chi per etichettare, chi per contare, chi per distribuire o chi per organizzare.
Ed è questa la sensazione più bella che provo oggi, quella dell’essere una soluzione al problema, senza polemiche, senza critiche.

Quella che sono stati tutti questi nomi, questi “volontari” a cui si può e si deve solo poter dire:”Grazie”.

Provando in questa unica vita che possediamo, a guardare al di la del nostro naso, al di la delle apparenze e delle contestazioni non costruttive… Provando semplicemente ed esclusivamente ad Esserci, per noi e per gli altri.

Commenti

Blogger: Ivana Fontana

Ivana Fontana
L'essenziale è invisibile agli occhi

Leggi anche

SALUGGIA. Neanche il lockdown ha fermato Dj Symoz e la sua musica

Simone Yuri Moz aka (in arte, ndr) Dj Symoz è inarrestabile, neanche il Coronavirus e …

IVREA. Lisa, forse Gino, boh non so… Casali: “Mi hanno offesa…”

Avete presente l’attrice Franca Valeri nei celebri sketch della “Signorina snob”? Correvano gli anni 60 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *