Home / BLOG / CHIVASSO. Coronavirus e mondo del beauty: prima, durante e dopo il lockdown
Franca Arcuri, titolare di "Beauty Franca" di via dell'Asilo 5

CHIVASSO. Coronavirus e mondo del beauty: prima, durante e dopo il lockdown

Anche il mondo dell’estetica, della bellezza si è dovuto fermare per il lockdown causato dal Coronavirus. Abbiamo incontrato Franca Arcuri, estetista e titolare di “Beauty Franca” di via dell’Asilo 5, per capire cosa è successo, come sono andate le cose e come vanno ora per chi fa il suo mestiere.

Appena ho saputo della situazione a cui andavamo incontro e che ci avrebbero fatti chiudere sono rimasta spiazzata, non pensavo saremmo arrivati a qualcosa di così estremo – comincia a raccontare – . Avevo appuntamenti già presi, gli ho annullati e ho chiuso il negozio. E’ stata dura, è il mio lavoro, il mio stipendio arriva da lì, così come quello di chi collabora con me. Inoltre il non sapere quando avremmo riaperto rendeva la situazione ancora più ansiogena – ci confida -. Piano piano mi sono un po’ tranquillizzata, ho fatto un lavoro su me stessa e mi sono detta che eravamo tutti nella stessa situazione e che avremmo dovuto cercare di andare avanti e fare in modo di vivere il più serenamente possibile. Così ho fatto, nonostante le preoccupazioni e i pagamenti che comunque restavano da fare. Anche stare chiusi in casa tutto il giorno, tutti i giorni, non è stato facile. Dopo le prime settimane di pensieri negativi mi sono adattata e mi sono fatta forza, perché non bisognava mollare”.

Passano i giorni e le estetiste restano fra le ultime categorie a poter riaprire. “Non ho riaperto nell’immediato, non sarebbe stato possibile farlo dall’oggi al domani, subito dopo il nuovo decreto del Premier Conte. Non ero pronta e ho aperto una settimana dopo per avere il tempo di organizzarmi nel modo giusto e attenermi ai protocolli di sicurezza – spiega Franca . Durante il lockdown i miei clienti mi chiamavano, ho realizzato dei video per loro per tenerli informati e dargli consigli, gli ho venduto qualche prodotto che gli serviva. Sono clienti affezionati che vengono in negozio da anni e che a me ci tengono… ne sono davvero felice e gliene sono grata. E’ bello vedere che la passione per il proprio lavoro e l’impegno ripagano – racconta -. Quando ho riaperto avevo già parecchi di loro prenotati, abbiamo lavorato bene, mi sono un po’ ripresa e tirata su di morale, anche se il fatturato perso durante il lockdown non è stato comunque recuperato. Ma ho lavorato e lavoro, quindi mi ritengo fortunata. C’è chi ha paura, alcuni clienti non si fidano ancora ad uscire, ognuno ha la sua idea su questa situazione, c’è chi è più tranquillo e chi meno. Cercherò di andare avanti meglio che posso e mi auguro che vada tutto per il meglio per tutti noi. Ho timore per l’autunno e l’inverno, spero non ci sia una nuova ondata di contagi, vorrei che si potesse tornare a vivere il più normalmente possibile e che ci fosse lavoro per tutti”.

Commenti

Blogger: Alessandra Sgura

Alessandra Sgura
Conosciamoli meglio

Leggi anche

CHIVASSO. 230 kg di pasta per la “Spesa Solidale”

CHIVASSO. 230 kg di pasta per la “Spesa Solidale” Con l’arrivo del Covid19, tante sono …

MONTANARO. Violenza contro le donne, anche la Biblioteca si muove

MONTANARO. Violenza contro le donne, anche la Biblioteca si muove. Anche a Montanaro, il prossimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *