Home / Edizione Ciriè / VOLLEY. La Vol-Ley Academy sta suscitando l’interesse di altre società
Vol-Ley Academy

VOLLEY. La Vol-Ley Academy sta suscitando l’interesse di altre società

Dal 31 agosto la voglia di pallavolo è stata più forte del Covid-19 dopo quasi sei mesi di stop forzato. Non solo la serie B2 e la serie C/Under 19 sono partite con la preparazione per la stagione 2020/2021, ma anche tutti gli altri gruppi, fino alle più piccole del Minivolley. Questo è stato reso possibile grazie all’attiva collaborazione delle istituzioni locali, che hanno messo a disposizione da subito strutture importanti come il Palazzetto dello Sport di Volpiano e il PalaMaggiore di Leinì, utilizzate dalle squadre della Vol-Ley Academy.

L’ambizioso progetto si può dire che sia stato realizzato, a tal punto che in questo momento oltre alle due realtà della  pallavolo torinese che si sono unite, vi sono altre società del territorio che stanno pensando di entrare a far parte del progetto. Lo stesso pensiero che aveva portato la dirigenza dei due sodalizi a una decisione semplice ma nello stesso tempo importante, cioè la crescita del settore giovanile mirato all’arrivo negli anni alla prima squadra, potrebbe diventare obiettivo di altre società del territorio, con le quali sono già stati effettuati numerosi incontri. L’importante disponibilità di palestre attrezzate di cui è assolutamente forte Vol-Ley Academy, insieme alla qualità degli allenatori a capo dei vari gruppi, sono gli elementi che stanno spingendo sempre di più l’allargamento del progetto.

Adesso entriamo nell’aspetto sportivo vero e proprio, andando ad analizzare quanto accaduto in queste prime tre settimane di lavoro della serie B2. Il gruppo a disposizione di coach Stefano Andreotti e Ivan Dall’Omo, visto il risultato conseguito nella scorsa stagione che ha portato alla categoria nazionale, è stato confermato nella sua totalità: Giulia Salvi, Roberta Rinaldi, Chiara Pesce, Erica Vietti, Claudia Andreotti e Alessia Oliveri. Oltre alla riconferma, della giovane centrale 2002 del vivaio Amira Neffati, sono entrate a far parte del roster giocatrici che nella scorsa stagione hanno giocato in società importanti del Piemonte come Anna Tessari, Federica Cane, Aurora Ghibaudo, Giorgia Ivaldi e Silvia Martini.

Da subito, grazie alla collaborazione dei due preparatori atletici messi a disposizione del gruppo, si è iniziata la preparazione per la nuova stagione da definirsi “atipica”, visto il lungo periodo di inattività sportiva. Due prime settimane dove, a differenza degli anni scorsi, non ha predominato la parte atletica, anzi molte più ore di “palla” rispetto al passato, ovviamente senza forzare le articolazioni, evitando di saltare. In quest’ultima settimana si è andati ad aumentare i carichi di lavoro per quanto riguarda la preparazione fisica, inserendo i salti, ma nel contempo iniziando anche di conseguenza ad effettuare non solo esercizi di tecnica individuale ma anche a lavorare nelle “situazioni di gioco”, visto anche i ruoli delle new entry.

L’aspettativa dello staff al comando di coach Andreotti, vista soprattutto l’esperienza in categorie superiori di gran parte del roster, è quella di riuscire a fare un buon campionato di metà classifica, senza dover troppo pensare alla salvezza, che resta il primo obiettivo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Kaede Marsili, Eleonora Bonaffini e Carlotta Cernusco degli Arcieri Varian

TIRO CON L’ARCO. La Compagnia Arcieri Varian si conferma nella gara interregionale indoor di Torino

Le associazioni sportive piemontesi di tiro con l’arco si trovano a dover fronteggiare condizioni sempre …

CORONAVIRUS ciriè lanzo

Covid: avevano promesso più posti letto. Non si è fatto nulla! L’Asl To4 sta saltando

E te pareva che il nuovo commissario dell’Asl To4 Luigi Vercellino non sviluppasse in poche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *