Home / Torino e Provincia / Ivrea / MOTORI. Luca e Igor Tonino all’assalto del Maroc Challenge
Luca e Igor Tonino pronti per il Maroc Challenge

MOTORI. Luca e Igor Tonino all’assalto del Maroc Challenge

La passione per i motori é un qualcosa che quando ti entra nel sangue non ti lascia più. Lo sanno bene i fratelli Luca e Igor Tonino che sin dalla tenera età sono rimasti ammaliato dal rombo magico di auto e moto. E adesso si apprestano a vivere da protagonisti la loro prima avventura motoristica ufficiale. E che avventura. I due ragazzi eporediesi prenderanno parte alla prestigiosa Maroc Challenge, una della manifestazioni più belle, ma allo stesso tempo massacranti del panorama del rally raid. Dal 3 all’11 aprile si correrà l’edizione Spring 2020 (quella primaverile) e i fratelli Tonino sono carichi e determinati per affrontare la manifestazione africana. “Puntavo questa gara da due anni – esordisce Luca – e con tanti sacrifici da parte mia e di mio fratello alla fine della scorsa edizione abbiamo deciso di partecipare. Ci siamo informati su come iscriverci e cosa bisognava fare e abbiamo iniziato a lavorare sul nostro Suzuki Vitara del 1991 per renderlo affidabile e performante. L’ho acquistato nel 2013 pensando di tenerlo al massimo un paio di anni e invece è ancora con me e sono contento che sarà lui a “portarci in giro” nel Deserto del Sahara. Sappiamo che sarà una gara difficile e piena di insidie, ma siamo convinti di fare bene. Ci sono tante regole da rispettare, ma se non avremo problemi tecnici e se non ci perderemo per strada può uscire qualcosa di buono da questo nostro esordio”.

Il Maroc Challenge è una gara a tappe, 6 per l’esattezza. Le prime 5 (Saidia-Tendrara, Tendrara-Erfoud, Erfoud-Zagora, Zagora-Zagora e Zagora-Merzouya) si snodano su percorsi che variano tra i 400e i 500 km. L’ultima, con partenza e arrivo a Merzouya, è più corta, ma decisamente più impegnativa perché pilota e co-pilota dovranno trovare i waypoint che l’organizzazione ha sparso per ciascuna delle diverse categorie. La difficoltà sarà alta, poiché questa fase non avrà traccia di riferimento da seguire. La Maroc è una corsa singolare che nelle sue 17 edizioni ha visto sovente squadre senza esperienza togliersi la soddisfazione di battere piloti navigati. Solo due cose sono garantite, la prima è che la prova è una sfida personale che ogni partecipante vivrà in modo diverso e la seconda è che l’avventura è assicurata. Attualmente è uno degli eventi amatoriali con più partecipanti, più internazionale, più mediatico, e con servizi molto simili a quelli di una prova professionale.

“Per esordire nel mondo delle corse abbiamo scelto una gara difficile, ma siamo sicuri che ci regalerà emozioni uniche. In Italia poter partecipare alle corse è complicato, ci sono tanti paletti burocratici da superare. A cominciare dalla licenza di guida: nel nostro paese è obbligatoria, in Marocco no”. Sulla corsa pende la Spada di Damocle rappresentata dal coronavirus. Nel mese di marzo sono state annullate gran parte delle manifestazioni motoristiche e la decisione sull’appuntamento africano verrà presa con ogni probabilità a ridosso della partenza. Luca (pilota) e Igor (navigatore) sono pronti a stupire e soprattutto a divertirsi sulle strade dell’impervio e a affascinante Deserto del Sahara. “Incrociamo le dita e speriamo di poter prendere parte a questa avventura: sarebbe davvero un peccato dopo tanti sacrifici anche a livello economico dovervi rinunciare”.

 

Luca e Igor Tonino pronti per il Maroc Challenge

Commenti

Blogger: Roberto Vannicola

Roberto Vannicola
Cinque, Cinque, Cinque

Leggi anche

Promozione. Il girone B è composto da 18 squadre. Niente ripescaggio per il Gassino SR

CALCIO. Promozione. Il girone B è composto da 18 squadre. Niente ripescaggio per il Gassino SR

Il Comitato Regionale Piemonte e Valle d’Aosta ha diramato i gironi anche per quello che …

Eccellenza. Nessuna sorpresa nella composizione dei gironi: si passa da 32 a 36 squadre

CALCIO. Eccellenza. Nessuna sorpresa nella composizione dei gironi: si passa da 32 a 36 squadre

Il primo passo verso la stagione agonistica 2020/2021 è stato fatto. Il Comitato Regionale Piemonte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *