Home / Torino e Provincia / Chivasso / MOTOCICLISMO. La donazione di Francesco Bagnaia e del Pecco Fan Club alla Città della Salute e della Scienza di Torino
Francesco Bagnaia e il Pecco Fan Club per l'emergenza Covid-19

MOTOCICLISMO. La donazione di Francesco Bagnaia e del Pecco Fan Club alla Città della Salute e della Scienza di Torino

Francesco Bagnaia sotto i riflettori in questi giorni. Il pilota chivassese della Pramac Racing domenica 29 marzo ha debuttato nella MotoGP Virtual Race, gara virtuale disputata sul circuito del Mugello che ha visto protagonisti i piloti della MotoGP, centrando un fantastico secondo posto alle spalle del solo Alex Marquez della Honda, fratello del pluricampione mondiale Marc Marquez. Ma c’è di piu’, molto di piu’: nei primi giorni di aprile il Pecco Fan Club ha effettuato una donazione di 13.845,32 euro all’Azienda Ospedaliero Sanitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, quale raccolta fondi organizzata da Francesco e Carola Bagnaia al fine di fronteggiare l’emergenza Covid-19. Pecco è orgoglioso di quanto fatto: “Io e il Pecco Fan Club  volevamo ringraziarvi per l’aiuto e la fiducia ricevuti da voi che avete scelto di sostenere la nostra campagna “Insieme contro il virus”. I fondi ricavati sono stati devoluti presso Torino Città della Salute e verranno utilizzati nella lotta contro il Covid-19. Sono felice di aver contribuito a fare qualcosa per la mia città e senza di voi non sarebbe staro possibile quindi ancora una volta: grazie. Mando un abbraccio virtuale ad ognuno di voi nella speranza di potervi ringraziare presto di persona”.

Infine, Francesco Bagnaia ha guardato avanti, tracciando a Sky Sport la rotta da seguire: “Il mio obiettivo è arrivare in Ducati ufficiale nel 2021, per farlo devo meritarmelo. L’anno scorso è stato tosto, con troppe cadute che non sono da me. Con la Ducati 2020 e la squadra attorno a me, posso avere tutto quello di cui ho bisogno per raggiungere i risultati che stiamo cercando.  Io ho sposato da subito il progetto della Ducati, ancora prima di cominciare l’ultima stagione di Moto2 e voglio riuscire a portarla al massimo delle sue potenzialità. Penso che Ducati stia lavorando tanto per ottenere grandi risultati che sta già raccogliendo, ma non è mai abbastanza. Io ho voluto Ducati, perché era quello che volevo, però non mi sembrerebbe giusto per nessuno mollare questa sfida. Loro hanno investito molto in me, io ho creduto a loro ed è qualcosa che dobbiamo portare avanti insieme”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Come il Coronavirus ha influenzato la ristorazione: la parola a Claudio Panebianco

“E’ cominciato tutto a fine febbraio, quando ha iniziato a farsi sempre più pressante la …

emergenza coronavirus, sospesa la tari

CHIVASSO. Mascherina obbligatoria all’aperto fino al 14 giugno

Il sindaco di Chivasso, Claudio Castello, ha firmato un’ordinanza che rende obbligatorio l’utilizzo della mascherina …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *