Home / Torino e Provincia / Chivasso / TENNIS. L’Asd Chivasso Sporting Club riassapora la normalità
Francesco Lo Bianco dell'Asd Chivasso Sporting Club

TENNIS. L’Asd Chivasso Sporting Club riassapora la normalità

Dopo 72 giorni di chiusura, l’Asd Chivasso Sporting Club ha riaperto i battenti con il sorriso, nonostante tutto. Il 4 maggio sono tornati ad allenarsi gli atleti di interesse nazionale in forza al circolo chivassese, mentre dal 18 maggio è stata la volta di tutti gli altri. Infine, dal 25 maggio si è potuto finalmente tornare a giocare anche il doppio. Una sequenza di eventi gestita nel migliore dei modi da Francesco Lo Bianco, deus ex machina dell’Asd Chivasso Sporting Club, e dallo staff del circolo: “Abbiamo adeguato il circolo alle normative in vigore e ai protocolli, favorendo il distanziamento sociale naturale e mettendo la sicurezza dei nostri tesserati e di tutti al primo posto. Abbiamo creato due percorsi di entrata e uscita dal circolo differenziati ed aree riservate a chi attende di entrare in campo, orari sfalsati di inizio attività per far sì che le persone non si incontrino all’inizio o al termine delle ore; abbiamo adeguato i campi da tennis al protocollo della Federazione Italiana Tennis e suddiviso la palestra in aree ben distanziate tra loro. Per quanto riguarda la piscina, ci siamo presi qualche giorno in più per ultimare i lavori di adeguamento e invece di aprirla il 2 giugno come al solito, pensiamo di rimandare la riapertura al 14 giugno”.

Ogni anno l’Asd Chivasso Sporting Club organizza nei mesi estivi uno Junior Summer Village e anche in questo 2020 così complicato, l’iniziativa verrà replicata: “Sì, il campus inizierà quest’anno il 15 giugno e terminerà il 28 agosto. Divideremo i giovanissimi partecipanti in piccoli gruppi: oltre al tennis i ragazzi potranno partecipare ad attività specifiche, come un corso di decoupage in cui verrà insegnata loro l’importanza del recupero sostenibile dei rifiuti. Ovviamente non mancherà il divertimento e tutte le attività saranno organizzate in sicurezza, garantendo il distanziamento: dal triage mattutino all’utilizzo degli spogliatoi e della piscina a turni, senza dimenticare le attività sotto al tendone in caso di pioggia, in questo caso previo l’utilizzo delle mascherine”.

Infine, Francesco Lo Bianco affronta il tema più delicato, quello dell’autosostentamento delle associazioni sportive: “Siamo rimasti chiusi per oltre due mesi, ma abbiamo quotidianamente fatto lavori di manutenzione per far sì che alla ripresa il circolo fosse il più accogliente possibile. E’ grazie agli sforzi della proprietà se si è potuto ripartire nel migliore dei modi, anche se rispetto al 2019 abbiamo un calo del 20% per l’utilizzo dei campi da parte degli adulti e del 30% per quanto riguarda la Scuola Tennis Federale dedicata ai più piccoli. Per quanto riguarda i campionati a squadre e i tornei, infine, tutto al momento è in stand by, ma da settembre la situazione potrebbe sbloccarsi e soprattutto per quanto riguarda i tornei giovanili e quelli di livello più basso tutto secondo me potrebbe essere facilmente gestibile”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Ferruccio Valzano e Lisa Sella

UISP. Valzano rieletto all’unanimità alla guida del Comitato Territoriale Ciriè Settimo Chiivasso

Sabato 28 novembre si è svolto online il Congresso Territoriale del Comitato UISP di Ciriè …

Argentesi: “Quando Maradona mi mandò gli auguri di Natale…”

C’è un aneddoto su Diego Armando Maradona che forse pochi sanno. E a raccontarlo è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *