Home / In provincia di Torino / SAN BENIGNO. “Un’emozione nuova”: il primo libro di Marco Odino

SAN BENIGNO. “Un’emozione nuova”: il primo libro di Marco Odino

Consapevolezza ed educazione emotiva: sono le due parole d’ordine di “Un’emozione nuova”, il primo libro pubblicato da Marco Odino. Dal 17 aprile, il manuale sul benessere emotivo è disponibile su Amazon, ma non solo: si può ordinare direttamente all’autore (cercalo su Facebook o manda una mail a marco@veritarelative.it) o trovare in alcune librerie di Settimo Torinese, Ciriè e Torino. “Un’emozione nuova” è un libro diviso in 32 lezioni, scritte in maniera semplice, diretta e con molte applicazioni pratiche, da leggere senza fretta, ed è rivolto a tutti coloro che abbiano intenzione di aumentare la propria consapevolezza, eliminare le dipendenze più comuni, come cibo, fumo e uso sconsiderato della tecnologia, e uscire dai più abituali stati emotivi indesiderati, tra cui rabbia, ansia, tristezza, stress e sensazione di inadeguatezza.

Classe 1972, Marco Odino è un sistemista informatico che avvicinandosi alla soglia dei 40 anni d’età è riuscito a cambiare in meglio la sua vita. Leggendo un libro sullo smettere di fumare, si imbatte nella Programmazione Neuro Linguistica e si interessa all’universo del coaching e ai sistemi filosofici occidentali e orientali, “divorando” testi su testi e cercando di individuare i punti in comune tra questi due mondi all’apparenza così distanti. Partendo dalla sua esperienza personale, nel 2008 dà vita al suo primo corso online di consapevolezza e nel 2012 apre il Blog veritarelative.it, trattando in modo semplice e con leggerezza argomenti di difficile comprensione come la spiritualità, la fisica quantistica, la legge di attrazione… Il materiale raccolto è corposo e dall’esigenza di aiutare le persone ad affrontare quotidianamente le difficoltà nasce l’idea di pubblicare tutto su carta pubblicando “Un’emozione nuova”.

Marco Odino, ospite nella serata del 12 luglio presso il Mondadori Point Edicolè di via Italia 23/A a Settimo Torinese durante l’evento “Giovedì di Luglio”, presenta così la sua prima opera scritta: “Questo non è il classico corso di motivazione personale o di autostima: di solito quel tipo di corsi servono a dare una carica di emozioni positive temporanee che ti fanno sentire meglio, ma poi, nel lungo periodo, la maggior parte delle persone torna ad avere gli stessi problemi di prima. Il rischio è di rimanere delusi perché si è esaurito l’entusiasmo iniziale. I corsi di motivazione personale sono come una cena fantastica, dove si mangiano cibi buonissimi e mai provati prima… ma poi? Si torna a mangiare le stesse cose di un tempo. In questo corso non mangerai prelibatezze, ma imparerai a cucinare per te stesso ogni volta che vorrai. Un famoso proverbio attribuito a Confucio recita: <<Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a pescare e lo sfamerai per tutta la vita…>>”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Partorire come a casa, ‘stanza Aurora’ all’ospedale

L’Asl To4 ha inaugurato, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Ivrea, la Stanza …

Ospedale Regina Margherita

VENARIA. Avvelena figlio, poi tenta suicidio: madre era depressa

I pianti di suo figlio, il doverlo accudire, le sembravano una responsabilità insormontabile. Per questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *