Home / BLOG / La cataratta, una gallina dalle uova d’oro
ospedale di Chivasso

La cataratta, una gallina dalle uova d’oro

L’ambulatorio attrezzato a Settimo “No”, le sale chirurgiche a Chivasso “No”, una stanzetta all’ospedale di Chivasso “No”. Messi in fila i “No” all’oculistica su questa parte del territorio dell’Asl to4 vicinissima a Torino sembrano francamente un po’ troppi. Va bene che la “politica” non è più autorevole come un tempo, ma anche dando per comprensibili (e non lo sono) i problemi organizzativi dell’Asl To4, ci deve essere per forza dell’altro. 

A essere cattivi, ma proprio tanto cattivi, l’oculistica non s’apre perchè gli “oculisti” di Torino semplicemente non vogliono e basta dare un rapido sguardo alla rete per capire quanti ce ne sono che se ne occupano (soprattutto privati) tra cui il “Gradenigo”, il “koelliker” e la “Cellini”. Insomma, si tratta di un settore dai facili guadagni e senza grossi costi, ideale per l’accreditamento. Senza andare tanto indietro negli anni, una cosa più o meno simile era già successa con l’emodinamica, lasciata nella mani del povero dottor Kamal, anche in quel caso senza alcuna apparecchiatura (correva il 2011 o giù di lì).

Tornando alla cataratta e in generale ai problemi alla vista che colpiscono più facilmente persone di una certa età, quello che fa male è costringerli a compiere decine di chilometri. Una sanità che funziona sul serio e che ha rispetto per i propri cittadini questo non lo dovrebbe permettere. 

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

SETTIMO. Valerio Verde e il Viet Vo Dao… quando lo sport non è solo sport, ma molto di più

“Sono nato a Chivasso nel 1991, ma ho sempre vissuto a Settimo. Ero un bimbo …

La donazione plasma

La donazione plasma Oggi parlo del plasma dal caratteristico colore giallo paglierino, composto per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *