Home / Storie di sport / PIETRO GIUGLER
Pietro Giugler
Pietro Giugler

PIETRO GIUGLER

Una vita a tutta velocità per Pietro Giugler. E’ di Montestrutto, frazione di Settimo Vittone, questo ex pilota della classe 1943 che ha scritto un importante pezzo di storia del motociclismo di velocità in salita e su circuito. Giugler, negli anni Settanta, è stato un vero e proprio idolo per molti ragazzini, grazie agli innumerevoli successi colti sia in campo tricolore sia a livello internazionale.

Spinto verso le due ruote dalla passione per i motori, Pietro ha iniziato a gareggiare all’Aosta-Pila nel 1966, a 23 anni d’età, e per 13 stagioni si è tolto diverse soddisfazioni. Per diversi anni ha corso nel team dei fratelli Piercarlo e Vincenzo Borri, due ottimi piloti e preparatori del Moto Club Chivasso conosciuti proprio alla sua prima gara, conquistando con la Aermacchi 250 nel 1971 e nel 1972 il titolo di campione italiano velocità in salita. Non si tratta degli unici allori della carriera di Pietro, approdato negli anni seguenti al Team Torrigiani Goldoni. Infatti, il pilota piemontese vince il tricolore del 1975 in sella alla Suzuki 250 e si conferma in vetta all’Italia sia nel 1976 sia nel 1977 con la Suzuki 500 della scuderia toscana. Queste prestigiose vittorie gli aprono le porte del palcoscenico internazionale, con Giugler che ottiene un secondo posto nel Campionato Europeo velocità in salita del 1978 e si laurea campione continentale nel 1979. Austria, Belgio, Francia, Spagna e Svizzera, l’eporediese viaggia per tutta Europa vincendo diverse gare. Il trionfo europeo, però, coincide con il suo canto del cigno, visto che nel medesimo anno Pietro abbandona le corse anteponendo loro il lavoro e la famiglia. C’è ancora spazio per i ricordi. Colori intensi, ai quali restano legate emozioni indelebili, le prime vittorie, la prima volta in Europa. Dominatore dal 1972 al 1977 della Tresenda-Teglio, per anni ha staccato la spina con il motociclismo, ma con il passare delle primavere si è riavvicinato, riabbracciando vecchi amici e campioni del passato. La sua carriera è stata piena di successi, molti dei quali rimasti indelebili nel cuore, e rinverdirli ha sempre un valore particolare.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

STORIE DI SPORT. Grande successo per la premiazione alla Suoneria

Platea gremita presso La Suoneria (Casa della Musica) di via Partigiani 4 a Settimo Torinese …

STORIE DI SPORT. Ultimo giorno utile per coupon e “mi piace”

Alle ore 24 di oggi terminerà il sondaggio Storie di Sport. Queste sono le ultime …

Un commento

  1. Avatar
    sandro carfagna

    Intervengo con un chiarissimo ricordo della Isola Liri-Arpino con il faviritisdimo Pietro Giugler che cade in una delle prime curve del tracciato, procurandosi un bel danno al ginocchio. La moto perde la pedivella. Lui raccatta la moto, risale in sella e con la gamba penzoloni taglia il traguardo classificandosi, se la memoria non fa cilecca, addirittura terzo nella categoria 250 cc. Fu subito ricoverato nell’ospedale di Arpino (aveva un buco nel ginocchio!!) e noi ragazzi dell’organizzazione (io lo guardavo spesso riscaldare la sua Suzuki a bordo pista) lo assistemmo fin quando non se lo vennero a prendere. Grandissimo, impavido pilota, grandissimo coraggio. Un mito per tutti noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *