Home / Eventi / Altri Eventi / CHIVASSO. La Mandria fa 150 anni

CHIVASSO. La Mandria fa 150 anni

A 250 anni dal suo completamento, la ex tenuta sabauda della Mandria si propone al pubblico in una nuova veste, quella di centro di riferimento per la discussione su temi importanti che investono il settore agricolo, la storia, lo sport il cibo. Mandria si racconterà, nei prossimi due fine-settimana, in tutte le sue molteplici sfaccettature, grazie al lavoro di “Mandria di Chivasso”, della Pro Loco e dell’associazione Pro Mandria e di tanti partner pubblici e privati. Il ricco programma di eventi è stato presentato giovedì 26 settembre, nel Salone delle Lunette, con, in apertura, il saluto del presidente Adriano Perrone. “La tenuta venne fondata per allevare i cavalli della Casa reale e il settore agricoli che si sviluppò a margine doveva sostenere le attività di allevamento – ha spiegato il sindaco Claudio Castello -. Nel corso degli anni, la Mandria ha attraversato diverse vicissitudini, non ultima quella di aver ospitato, durante la I Guerra Mondiale, 22 mila prigionieri polacchi che, al termine del conflitto, ritornarono in Patria da uomini liberi. Guardo con dispiacere al lento decadimento degli edifici storici, della parte di proprietà del Comune, e speriamo che, quanto prima, si possa intervenire per salvaguardarla e mi auguro che qualcuno proponga delle idee per salvare questo gioiello”. Fabrizio Valle, vice presidente di Pro Mandria, insieme all’architetto Andrea Zavattaro, hanno illustrato il programma di eventi che si articolerà su due fine-settimana: da venerdì 4 a domenica 6 ottobre e da venerdì 11 a domenica 13 ottobre. La struttura del programma propone: workshop e seminari nella mattinata, eventi enogastronomici e mondani la sera, mentre le domeniche 6 e 13 ottobre proporranno appuntamenti che potranno coinvolgere un pubblico eterogeneo. L’iniziativa è nata in collaborazione con il Comune di Chivasso e gode del Patrocinio dei comuni di Caluso, Mazzè, Rondissone e Verolengo, i cui territori confinano con la Tenuta.

Tutto il programma delle celebrazioni dal 5 al 13 ottobre

Il programma degli eventi delle celebrazioni per il 250° anniversario dal completamento di Tenuta Mandria, si apre venerdì 4 ottobre con una giornata dedicata al tema “La Mandria e l’acqua” e il workshop, a partire dalle 9.30, “L’agricoltura del domani”, organizzato dal Consorzio del Canale Demaniale di Caluso. Per tutto il giorno sarà possibile visitare la mostra fotografica sul canale stesso, organizzata dal Consorzio gestore, in collaborazione con l’associazione culturale “Le Purtasse” di Caluso. Alla sera, Cena di Gala organizzata in collaborazione con Slow Food Chivasso, su prenotazione.  La mattinata di sabato 5 si aprirà con il seminario “La mobilità lenta e non solo”, dedicato ai cammini storici come fruizione dei paesaggi agrari e ai risultati del sondaggio effettuato a Stramandriamo.

Nel pomeriggio, seminario e laboratori con le attività della Condotta dell’Università di Scienze Gastronomiche. Si potrà partecipare ad escursioni legate al movimento, in collaborazione con istruttori e associazioni sportive. In serata, street food e musica live, cena o spuntini con specialità italiane di qualità all’aperto con intrattenimento musicale dal vivo di artisti di strada, con ingresso libero. Domenica 6, “La Mandria e la terra”: per tutto il giorno, fiera-mercato, con la presenza di produttori d’eccellenza che proporranno e racconteranno direttamente i loro prodotti selezionati insieme alla Condotta Slow-Food; inoltre, per tutto il giorno sarà possibile pranzare con specialità street-food e nel pomeriggio attività della Condotta dell’Università di Scienze gastronomiche. In collaborazione con CPF Torassese, rievocazione degli antichi mestieri e, come sempre accade durante la tradizionale festa patronale di maggio, mostra di trattori d’epoca. Venerdì 11 ottobre, giornata dedicata alla Mandria e ai cavalli, con il seminario “L’evoluzione del cavallo”, evento culturale di approfondimento sul cavallo, aperto a tutti, e in particolare alle scuole, a cura dell’Università di Medicina Veterinaria. Sabato 12 ottobre, si apre il week-end dedicato alla storia della Tenuta con il convegno: “Il cavallo nel 1700 e la Regia Mandria di Chivasso”, allevamento e storia del cavallo a cura del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino, mentre nel pomeriggio, “La Mandria di Chivasso e la storia” inquadramento storico e particolarità storiche sulle Mandrie Sabaude del ‘700 nelle tesi di laurea del Politecnico di Torino, la Mandria tra Canavese e Monferrato, la storia dei soldati polacchi e altro ancora. Alla sera, Cena del 250° con proposte gastronomiche a tema e, a seguire, serata musicale live con servizio bar ed ingresso libero.

In chiusura, domenica 13 ottobre, una giornata dedicata alla Rievocazione storica, con gruppi storici in costume, a cura dell’associazione Marchesi Paleologi, cavalli, sfilate e giri in carrozza, accampamento di soldati settecenteschi con duellanti in armi e piccole battaglie, presenza di mestieri con allestimento di botteghe del tempo, falconieri e levrieri con dimostrazioni e spettacoli, giochi e danze dell’epoca. Infine, gli allievi del Liceo Musicale “Isaac Newton” si esibiranno in un concerto di musica classica con brani di Diabelli, Giordani, Purcell, Mozart, con ingresso libero.

Dal 5 al 13 ottobre, presso la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, in via Torino a Chivasso, in collaborazione con il Circolo Filatelico Numismatico Chivassese, il Rotary Club di Chivasso e la Fondazione Rotariana “Vincenzo Gribaldo”, Mostra filatelica tematica sugli animali, ad ingresso libero e sabato 5, dalle 14, Annullo Filatelico del 250° con due cartoline a tema create da Andrea Zavattaro.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Si rompe un tubo dell’acqua, disagi per 4 ore

Alle ore 18 di questa sera si è rotta una tubatura dell’acqua in corso Galileo …

CHIVASSO. Olivia Di Gregorio: “La ginnastica artistica è la mia vita”

“Faccio ginnastica artistica da quando ho 4 anni, da tutta la vita, in pratica” si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *