Home / Life & Style / “Zanzarissima”, la zanzariera più fashion d’Italia

“Zanzarissima”, la zanzariera più fashion d’Italia

Zanzarissima”, la zanzariera più fashion d’Italia: il “dietro le quinte” con lo stilista Davide Monaco.

Zanzarissima”, la zanzariera più trendy d’Italia diventa ancora più fashion con l’estro di Davide Monaco, il giovane stilista di Torino che riesce a creare abiti da sera plasmandoli dal nulla. Anzi, da un sogno.

Indossare tacchi alti, occhiali da sole dalle lenti scure, una collana che si esalta tra le spalle scoperte e, vestire, nientepopodimeno che… “Zanzarissima”, il brand più in voga nella categoria delle zanzariere plissettate.

Ce ne vuole di fantasia, di originalità, di coraggio, di genialità per concepire da una zanzariera un abito da sera.

L’impresa è di Davide Monaco, il brillante stilista di Torino, che è riuscito in un connubio eccezionale: unire la passione, la sensualità, l’innovazione stilistica che sta alla base dei suoi progetti all’eleganza, il design, la praticità della linea “Zanzarissima”.

Il risultato è qualcosa di eccezionale, di unico nel panorama italiano.

La mia carriera di stilista è iniziata qualche anno fa – comincia a raccontare Davide Monaco, seduto su di un divano circondato da modelli di zanzariere “Zanzarissima” di fianco, davanti e dietro di lui -. La mia è una passione: creare abiti plasmandoli dal nulla, dando forma ad un sogno. Quello che voglio trasmettere con le mie creazioni è una sensazione di benessere, di gioia, è uno slancio per sentirsi bene: molte persone non sono felici, si nascondono dietro ad una maschera. Quando vedo donne sorridenti indossare miei vestiti, allora mi dico: wow!”. 

La passione per la moda a Davide Monaco è nata da bambino. “Vedevo le sfilate e mi emozionavo”, spiega.

Autodidatta, è spinto nel suo lavoro dal desiderio di creare qualcosa di nuovo. Qualcosa che non s’è mai visto prima.

Prima di creare un abito per una donna – confessa lo stilista torinese – le rivolgo qualche domanda. Le chiedo: come vorresti essere? Cosa vorresti trasmettere? Bellezza, felicità, sensualità? Dalle sue risposte, capisco cosa vorrebbe indossare e da lì inizio a creare il suo sogno”.

Vestire una donna non è semplice. Farlo con una zanzariera, così come nel progetto nato con Zanzarissima, dev’essere un’impresa.

Nelle nostre case tutti abbiamo delle zanzariere – racconta il connubio nato con il brand del momento -. A volte, quando si apre una porta finestra, può capitare di andargli a sbattere contro, perché le zanzariere sono talmente sottili e fini che non si vedono. Così mi sono immaginato una donna che, sbattendo contro una zanzariera, ne esce vestita di quel materiale. E da lì ho iniziato a creare abiti che si possono indossare per serate di gala, eventi, cerimonie…”.

Vestiti  confezionati con i tessuti delle zanzariere.

Dare forma al metallo è molto difficile – prosegue Davide Monaco -, ma questo tipo di zanzariera si presta bene perché è elastica, a fisarmonica, ideale per il plissettato. E’ traforata, quindi si riesce a cucire con facilità: in più, è lavabile. Quindi la si può indossare in più di un’occasione. Una caratterista di questa Zanzariera è che la si può piegare per mettere in valigia, stropicciare, appallottolare e dopo ritorna esattamente come prima”. 

Con Zanzarissima ci accomuna la filosofia, la mentalità, la passione con cui facciamo il nostro lavoro – conclude Davide Monaco -. E’ una realtà innovativa, nuova, fresca, un modello per chi come me insegue un sogno”.

Le realizzazioni di Davide Monaco esaltano la capacità di adattamento, l’originalità, la bellezza, la peculiarità e la creatività degli articoli “Zanzarissima”.

Un progetto che è davvero di successo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SALDI POST COVID

Ad agosto 2020 al “via” i saldi estivi

L’emergenza sanitaria causata dalla diffusione repentina del Covid-19 ha comportato un aggravamento della crisi economica …

Liguria – Le migliori spiagge nudiste per l’incontro con la natura

Il movimento nacque in Germania come reazione alla crescente industrializzazione e al capitalismo, per ritrovare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *