Home / In provincia di Torino / VOLPIANO. Sociale, 580mila euro nel 2017
Irene Berardo assessore

VOLPIANO. Sociale, 580mila euro nel 2017

Il valore economico dei servizi sociali erogati a Volpiano attraverso l’Unione dei Comuni Nord Est Torino (Unione NET) nel 2017 è stato pari a 580mila euro. Il dato è stato comunicato al Consiglio comunale dall’assessora alla Salute Irene Berardo nel corso dell’ultima seduta.

Analizzando i singoli servizi, nell’area anziani sono 21 le persone che usufruiscono del sostegno alla domiciliarità, 16 dell’integrazione della retta per la residenza assistenziale, mentre altre 96 sono state oggetto di valutazione geriatrica per comprendere le reali esigenze di carattere sanitario. Nell’area adulti, tramite il progetto «Prima accoglienza» sono stati seguiti 49 casi, 20 persone hanno beneficiato del Reddito di inclusione (Rei) e del Sostegno per l’inclusione attiva (Sia), misure di contrasto alla povertà. Complessivamente il servizio ha preso in carico 71 persone.

Infine l’area minori, con le attività a sostegno di 24 disabili nel Centro Diurno Jolly, 7 ragazzi accolti al Centro educativo minori e 16 giovani che hanno usufruito degli incontri protetti in luogo neutro.

Ritengo che i servizi sociali abbiano svolto un buon lavoro – commenta Berardo -. Alcuni assistenti sociali sono stati sostituiti nel corso dell’anno, ma il servizio offerto è sempre stato un servizio di qualità. Chi si rivolge per la prima volta a questo tipo di servizio, spesso, non è a conoscenza delle opportunità presenti sul territorio e, data l’urgenza delle problematiche, si rivolge agli assessori o al sindaco. Noi possiamo solamente indicare il corretto percorso da seguire, ad esempio iscriversi al centro per l’impiego, contattare l’assistente sociale; ogni appuntamento ci offre, però, la possibilità di conoscere i volpianesi, di venire a conoscenza di problematiche, anche gravi, e di lavorare per migliorare la nostra realtà”.

Oltre agli interventi realizzati tramite l’Unione con fondi comunali, che nonostante la loro importanza sono poco considerati perché non gestiti direttamente dagli uffici del nostro ente – sottolinea il primo cittadino Emanuele De Zuanne il Comune adotta altre misure in ambito sociale in modo diretto. Un settore, quello dei servizi sociali,  sicuramente complesso e che necessita della dovuta discrezione nel rispetto di chi è in difficoltà”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LEINI. Terribile incidente sulla sp460, due morti

Tragico incidente sulla strada provinciale 460 a Leini, poco prima delle 16. Due persone hanno …

NOMAGLIO. Peller – Francisca ai ferri corti per la Sagra della Castagna

Da oltre quindici anni le cose andavano in un certo modo. Nomaglio organizzava la Sagra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *