Home / BLOG / VOLPIANO. Qualcosa di cui sparlare

VOLPIANO. Qualcosa di cui sparlare

Due giorni orsono aprendo Whatsapp ho visto il messaggio di un cittadino che compare sulla mia rubrica che mi mandava la foto che è stata pubblicata corredata dalla simpatica domanda.

La mia risposta in piemontese al quesito che avete potuto leggere è stata : “nen mi” che sta a significare che non era ciò che avrei desiderato in effetti.

Questo messaggio ha ispirato la mia rubrichetta perché anche se ero gia’ entrata nel merito dell’argomento affrontandolo con i giornalisti di questa testata e di un altra non avevo sviscerato sicuramente tutte le tematiche.

Altro gran suggerimento mi è sicuramente giunto da un’affermazione del vicesindaco in risposta a mie affermazioni, rilasciate appunto la settimana scorsa, che tradiscono uno sconcertante concetto di “verde” da parte di chi dovrebbe, a parer di popolo, intendersene più di altri.

a chiusura di un articolo in effetti viene riportata una frase che dichiara: “Adesso il centro di  volpiano si e’ rifatto il look con un’area più bella e più verde perché meno  inquinata”.

Verde???

Dove? Forse è tra le cose che mancano dell’arredo di cui si parla sempre in quel pezzo.

meno inquinata? Forse perché il traffico veicolare diminuirà? Perché prima quella piazza, funzionale ai posteggi, usufruiti dai clienti delle “poche” attivita’ commerciali rimaste, delle banche e dei servizi presenti massicciamente su quell’area, non sarà più funzionale a nulla?

Allora in questo caso saremo sicuramente grati di avere un’area “inutile” ma sicuramente meno inquinata e magari invece di andare a correre o camminare in vauda potremmo creare un circuito cittadino in aree dove non vi sarà  nulla da fare o vedere ma almeno sapremo che la nostra salute ne trarrà giovamemto… Grazie grazie a chi nella programmazione di un opera pubblica si è preoccupato anzitutto della nostra salute trascurando qualsiasi altro parametro di utilità per la comunità per il settore produttivo e il terziario.

Commenti

Blogger: Monica Camoletto

Monica Camoletto
Qualcosa di cui sparlare

Leggi anche

CHIVASSO. Nemo, per essere il cambiamento che vuoi vedere nel mondo

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. È la celebre citazione di Mahatma Gandhi, …

A ven Gilind, la divota cumedia.

A ven Gilind, la divota cumedia. Ovvero l’Avvento del Natale nella tradizione piemontese. Vi voglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *