Home / Sport / VOLLEY. L’Under 17 azzurra piega l’Olanda
L'Under 17 dell'Italia

VOLLEY. L’Under 17 azzurra piega l’Olanda

L’Italia bagna con una vittoria il suo esordio al torneo 8 nations group U17M battendo l’Olanda 3-0. Primo set caratterizzato dagli 8 punti di Falgari, seguito dai 6 di Dal Corso, che hanno permesso agli azzurri di conquistare il primo parziale col punteggi di 25-11 senza mai farsi avvicinare troppo dagli avversari olandesi, 8-5 e 16-9 ai time out tecnici, che hanno avuto nel loro capitano Brilhuis il miglior realizzatore del set con 4 punti.
Nel secondo set, senza alcun cambio tra le due formazioni, un gran muro di Dal Corso porta gli azzurrini avanti 8-3 al primo time out tecnico, con gli azzurri sempre avanti. Nel finale spazio anche per il pugliese Piervito Disabato che ha fatto il suo ingresso con un pallonetto vincente frutto di un’azione iniziata con una gran difesa del libero siciliano Damiano Catania sul punteggio di 22-8. La rimonta olandese porta gli Oranges fino al punteggio di 23-11 quando un fallo in palleggio del centrale ferma l’avanzata arancione regalando agli azzurri ben 13 palle set, parziale chiuso con un altro fallo in palleggio degli olandesi sul punteggio di 25-11.
Nel terzo set i due pugliesi Disabato e Scardia in campo tra gli azzurri. L’Olanda tiene la scia azzurra ed è un super Leoni che riesce a togliere gli azzurri da una situazione non facile con gli olandesi che tengono la scia. L’attacco vincente di Leoni sul punteggio di 11-10, e il successivo block out dello stesso, staccano gli azzurri da una situazione complicata con l’Olanda ad un solo punto di distacco fino al secondo time out tecnico che vede gli azzurri avanti 16-10. Ci pensa poi capitan Brilhuis a fermare l’avanzata azzurra con un doppio muro che fa avvicinare gli olandesi a sole due lunghezze dagli azzurri sul 19-17.
Il block out vincente di Leoni, che porta gli azzurrini sul 23-20, ferma il gioco per un time out chiesto dal tecnico olandese Ringenaldus. Il punto finale porta la firma Falgari per il definitivo 25-22 che consegna all’Italia 3 punti e la prima vittoria del torneo.
Miglior realizzatore del match è stato lo schiacciatore Falgari, autore di 15 punti, seguito da Dal Corso che ha messo a terra 12 palloni. Migliore tra gli olandesi il capitano Brilhuis autore di 11 punti. 5 muri punto sia per l’Italia che per l’Olanda,
Italia-Olanda 3-0 (25-11, 25-11, 25-22)
Italia: Pedrinelli 1, Disabato 5, Falgari 15, Leoni 11, Stefani 1, Dal Corso 12, Gianotti 4, Scardia 3, Catania (L), Ferrato, Biasotto, Stefani. N.E. Pol. Barbiero, Morganti.
Olanda: Bak 3, Brilhuis 11, Macnack 1, Damen 7, Van Muijden 2, Hofhuis 1, De Groot (L), Smulders (L), Schols, Zomer, Klein Teeselink. N.E. Tavenier. Ringenaldus, Donker.
Mario Barbiero, allenatore Italia: Sicuramente sono soddisfatto perchè la partita d’esordio è sempre difficile per tanti motivi, soprattutto per questi ragazzi, sia per noi che per loro, era la prima partita a livello internazionale per cui la tensione c’era, la paura anche. I ragazzi si sono subito liberati di questa tensione, hanno giocato secondo me due primi set abbastanza buoni, ho avuto anche la possibilità di provare qualche altre soluzione perché ci sono delle situazioni in cui possiamo migliorare come squadra facendo girare tutti gli atleti a disposizione. Nel complesso sono soddisfatto ma dobbiamo già pensare al futuro perché c’è il Belgio che è un’ottima squadra. Ho trovato un buon livello fin da questa prima giornata, non conoscevamo le squadre, però ho visto un Olanda molto fisica e sicuramente in prospettiva futura sarà un’ottima squadra. Il Belgio ha un’ottimo opposto, un buon palleggiatore, un ottimo posto 4, quindi è una squadra assolutamente temibile.
La Spagna è una squadra contro cui è difficile giocare perché fanno della pazienza la loro colonna portante,quindi con loro bisogna essere molto molto attenti. C’è tanto da migliorare perché dal punto di vista tattico dovevamo prestare attenzione su alcune cose e non lo abbiamo fatto, ma capisco anche che per questi ragazzi rimanere concentrati per più di un’ora non è facile. Ad esempio dobbiamo fare meglio in battuta dobbiamo far meglio, abbiamo fatto bene a muro ma domani sarà più difficile e possiamo fare meglio nella costruzione del gioco d’attacco.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

RUGBY. Il XV scelto da O’Shea per l’esordio contro la Namibia nella Rugby World Cup 2019

Conor O’Shea, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che domenica alle …

BASEBALL. Prima vittoria azzurra sulla strada che porta a Tokyo 2020

L’Italia di Gerali regola la pratica Repubblica Ceca per 5-1 sul diamante di Bologna, recuperando dopo l’immediato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *