Home / Sport / VOLLEY. L’Italia cede il passo agli Stati Uniti d’America
Ivan Zaytsev
Ivan Zaytsev

VOLLEY. L’Italia cede il passo agli Stati Uniti d’America

Si è chiuso con una sconfitta italiana il secondo week end di World League. Gli azzurri nonostante una prova orgogliosa hanno ceduto 3-0 agli Stati Uniti, apparsi più forti a muro ed in difesa e più concreti nei momenti finali dei parziali.
La squadra di Blengini non è riuscita ad esprimersi con regolarità, soprattutto in attacco, dove il solo Vettori è stato un punto di riferimento costante per Giannelli. Gli azzurri chiaramente ancora in fase di preparazione hanno subito anche sul piano fisico un sestetto Usa più reattivo.
L’Italia martedì partirà per Teheran dove contro Iran, Argentina e Serbia cercherà di trovare quei risultati necessari per guadagnare l’ingresso alle finale di Cracovia.
Gli Stati Uniti hanno vinto il primo set, non giocato benissimo, ma sicuramente molto spettacolare. L’Italia ha iniziato contratta ed ha trovato grande difficoltà a mettere a terra palloni in attacco. Si è arrivati sull’8-16, con Blengini che ha cambiato la batteria dei martelli dentro Maruotti per Lanza e Antonov per Zaytsev. I risultati sono stati molto buoni, ricezione e difesa hanno iniziato a funzionare meglio e gli azzurri hanno rimontato sino al 22-23 infiammando il pubblico, prima di cedere 22-25.
Il copione non cambia di molto nel secondo set. Blengini rilancia la formazione iniziale. Gli azzurri tengono leggermente meglio il campo ma vanno subito in svantaggio ed iniziano la rimonta sul 13-18. Una rimonta convincente, anche se il muro non funziona troppo. In questa occasione Birarelli e compagni raggiungono anche il pareggio 19-19, ma alla fine si arrendono ancora 23-25.
Nel terzo il match è più equilibrato l’Italia si è portata in vantaggio 8-6, poi è stata ancora avanti più volte sino al 22-21, ma alla fine gli Stati Uniti pur senza strafare hanno vinto chiudendo 25-23 dopo che Vettori aveva annullato il primo match-point.
Gianlorenzo Blengini: “Siamo partiti molto contratti. Al di là degli errori diretti, la squadra all’inizio faceva fatica a lasciar andare il braccio, abbiamo subito in ricezione e quindi in attacco. Poi siamo riusciti a perdere un po’ di “timidezza” sia nel finale del primo set, che nel proseguimento della gara. Ma non siamo mai riusciti a mostrare tutta la nostra qualità ed alla fine abbiamo perso tutti e tre i parziali”
Massimo Colaci: “Siamo partiti molto contratti, sia nel primo che nel secondo siamo andati subito sotto e contro una squadra come gli Stati Uniti è difficile rimontare, perchè sono molto forti nel sistema-muro difesa. Ma la vera differenza c’è stata nella fase break.”
Luca Vettori: “Non siamo riusciti a gestire con pazienza le situazioni più complicate, loro sono stati bravi a gestire le azioni lunghe. Noi volevamo spaccare tutto sin dall’inizio. Poi quando abbiamo capito qualcosa di più siamo riusciti a ridurre il gap, nei primi due set. Nel terzo abbiamo sbagliato parecchio al servizio, come del resto anche in gran parte della gara”.

ITALIA-STATI UNITI 0-3 (22-25 23-25 23-25)
ITALIA: Giannelli 3, Lanza 7, Birarelli 6, Vettori 14, Zaytsev 4, Piano 1, Colaci (L). Maruotti 1, Antonov 3, Buti 4, Cester, Non entrati: Rossini (L), Sottile, Anzani. all. Blengini
STATI UNITI: Lee 5, Anderson 4, Sander 9, Smith 10, Christenson 2, Jaeschke 14, Shoji E. (L) Troy 4, Non entrati: Shoji K., Russell, Priddy, McDonnell. All. Speraw.
ARBITRI: Al Rousi (Uae) e Espilcalsky (bra).
Spettatori: 8250 incasso 116mila euro. Durata set: 32, 34, 32.
Italia: bs 16, a 3, mv 4, et 11.
Stati Uniti: bs 14, a 2, mv 12, et 11.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Tennis

TENNIS. Sporting Borgaro a secco dopo due giornate di campionato

Inizio in salita per lo Sporting Borgaro nel campionato nazionale a squadre di serie A2 …

KARATE. Bronzo di Sartoris all’Open Internazionale WKF di Croazia

Grande appuntamento agonistico nel primo weekend di ottobre per Giulia Sartoris all’Open Internazionale WKF di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *