Home / In provincia di Torino / VIU’. Presentato sabato il 33° Rally Città di Torino

VIU’. Presentato sabato il 33° Rally Città di Torino

Si è svolta nel pomeriggio di sabato 1 settembre presso il centro sportivo Verticalblù di Viù la presentazione del 33esimo Rally Città di Torino. Ha presentato l’incontro l’assessore Alberto Guerci. Al tavolo dei relatori anche il sindaco viucese Daniela Majrano.

È un Rally Città di Torino tutto nuovo quello che andrà in scena il 14 e 15 settembre. Tante le novità che la RT Motorevent ha disegnato a partire dalla sede di tutta la base operativa, spostata a Pianezza. 

Il programma prevede le verifiche tecniche e sportive nella giornata di venerdì 14. La prima giornata si concluderà con la cerimonia di partenza con la pedana allestita dinanzi al comune, durante la quale i concorrenti verranno presentati al pubblico prima di depositare le vetture nel riordino notturno che verrà allestito nell’elegante cornice di Villa Leumann, sede del palazzo comunale.

La sfida cronometrica si accenderà nella prima mattinata di sabato con due tratti cronometrati: il primo passaggio sull’inedita prova di Mezzenile la quale con i suoi dieci chilometri collega la valle di Ala con quella di Viù con uno spettacolare passaggio al colle della Dieta.

Il secondo, e qui arriva un’altra importante novità, il Col del Lys: legato a filo doppio nella storia e nella tradizione di questa gara, non mancherà nel programma della due giorni torinese, ma in questa occasione verrà percorso, per la prima volta, in senso inverso con partenza da Molar.

A Pianezza sono previsti i riordini e i parchi assistenza. Dopo i primi due parziali la gara ripartirà con un trittico di prove  che comprende la “Monastero” di km. 14,500 e, a seguire, la “Mezzenile” e il “Lys”. Dopo l’ultima assistenza, la sfida finale si disputerà sulle ultime due prove che saranno ancora la Monastero e la Mezzenile, prima del trasferimento a Pianezza per l’arrivo e la premiazione. 

Le iscrizioni chiuderanno il 7 settembre.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Legambiente

Bandiere verdi di Legambiente. C’è l’Anfiteatro Morenico di Ivrea e ci sono i sentirei dell’Alta Val Malone

Tutela della biodiversità a rischio, valorizzazione dell’agricoltura e delle antiche tradizioni, ma anche mobilità sostenibile, …

CHIVASSO. Che fine ha fatto il “Mercà d’la Tola”?

C’è qualcosa che non torna, nell’agenda delle priorità che s’è data l’amministrazione comunale targata Claudio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *