Home / In provincia di Torino / VIU’. La Val di Viù investe su arte, cultura e tradizione

VIU’. La Val di Viù investe su arte, cultura e tradizione

Il 28 luglio è stata una giornata davvero pienissima per la Val di Viù. Al mattino l’inaugurazione della “RotondArte”. Il progetto ha consentito di restaurare e rendere nuovamente fruibile la celeberrima “rotonda” che si affaccia su Viù permettendo di ammirare l’intero paese. Vi si giunge percorrendo il viale alberato arricchito da opere d’arte moderna per lo più realizzate da illustri artisti locali. Il percorso, tra l’altro, è stato completato con pannelli esplicativi che descrivono le opere esposte, la flora e le vicende storiche di quel prezioso angolo viucese. Nel prossimo futuro sarà possibile impiegare questi spazi per concerti, presentazioni di libri ed altri eventi e incontri culturali. Il tutto è stato reso possibile grazie all’impegno dell’amministrazione comunale ed al sostegno della Compagnia di San Paolo. Il sindaco di Viù, Daniela Majrano, ha illustrato ai presenti il progetto prima di accompagnare gli ospiti lungo la passeggiata. La stessa Compagnia di San Paolo ha reso possibile anche i restauri degli affreschi della cappella della Confraternita del Santissimo Nome di Gesù nell’antico complesso parrocchiale di Lemie. Oltre alle decorazioni murali restituite al loro antico splendore, il pubblico ha potuto ammirare la mostra “Il soffio della scultura” allestita dall’artista viucese Gabriele Garbolino Rù. Dopo un breve ma sentito saluto del sindaco di Lemie, Giacomo Lisa, il presidente dell’Associazione degli Amici del Museo di Usseglio, Alberto Tazzetti, visibilmente commosso, ha rievocato il decennale impegno profuso da tante persone per il progetto “Lungo la Stura di Viù” di cui questa giornata rappresenta una tappa fondamentale. Tra il pubblico erano presenti il sindaco di Viù Majrano, il sindaco di Usseglio Piermario Grosso, l’ex sindaco di Usseglio Aldo Fantozzi (storico sostenitore di queste iniziative), il direttore del Museo Nazionale della Montagna Daniela Berta, il direttore del Museo Civico Tazzetti di Usseglio Emanuela Lavezzo, Loredana Iacopino responsabile dell’allestimento e del recupero architettonico della cappella oltre che curatrice della grafica in collaborazione con Daniela Urbani.  Alla cerimonia è seguito il concerto dei musicisti Giovanni Battista Bertolio e Mihai Vuluta.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Ambiente: Tlp, Ivrea verso futuro a emissioni zero

“La Regione intende valorizzare la proposta che prevede per tutto l’eporediese un futuro sostenibile a …

IVREA. La vertenza appalti pulizia poste finisce in tribunale

Nel giorno in cui scendono in piazza i circa cento lavoratori sardi della Manitelidea spa, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *