Home / Dai Comuni / VICO CANAVESE. Comuni della Valchiusella verso la fusione

VICO CANAVESE. Comuni della Valchiusella verso la fusione

Si lavora sotto traccia, ma si lavora eccome, ad un progetto di fusione. Siamo in Valchiusella, malcontati poco più di 5 mila abitanti (per l’esattezza 5.495) partendo da Vidracco, passando per Alice Superiore, Brosso, Issiglio, Lugnacco, Meugliano, Pecco, Vistrorio, Rueglio, Vico Canavese, e infine fin lassù a Trausella e Traversella. A guidare il fronte dei favorevoli è il sindaco di Vidracco, Antonio Bernini, un adepto alla Federazione dei Damanhur: “Le Unioni non stanno funzionando. Quattro anni fa Vidracco non aveva aderito al progetto di Unione è a posteriori posso confermare come quella sia stata una scelta oculata. Se qualcuno vorrà parlare di fusione, sappia che Vidracco è d’accordo”. A far da eco alla proposta è Antonio Nicolino, il primo cittadino di Vico Canavese (il comune più popoloso dellaValle) che ricopre anche l’incarico di presidente dell’Unione: “L’Unione è stata creata proprio per preparare il campo all’eventuale fusione tra comuni. Usando una metafora calcistica: l’Unione rappresenta un po’ la preparazione estiva di una squadra di calcio prima di affrontare il campionato”. D’accordo con Nicolino anche i colleghi amministratori: Michele Gedda di Pecco, Remo Minellono di Alice, Mario Marubini di Trausella e Gabriella Laffaille di Rueglio. e Mauro Nicolino di Brosso. “Per ora – dice quest’ultimo – ne abbiamo solo parlato tra noi amministratori. Ma è chiaro che primo o poi arriveremo a fare un unico Comuni. Non vedo una via d’uscita per un comune piccolo come quello che amministro”. Idem come sopra con Antonio Oberto Petto, primo cittadino di Issiglio: “Io sarei favorevole. Insieme si risolverebbero una sacco di problemi. Oggi il Governo ci penalizza. Penso che l’Unione sia propedeutica alla Fusione”. I puntini sulle “i” ce li mette, Renza Colombatto, sindaco di Traversella, il comune che sta più in alto di tutti. “Io sono stata la prima ad averla proposta, quando ancora non si parlava dell’Unione. Sarei favorevole a patto di coinvolgere solo i comuni dell’Alta Valle, diciamo da Alice Superiore in su”. E come Colombatto la pensa Carlo David di Meugliano, il comune più piccolo di tutta la valle. “Non sono contrario al progetto – dice – Sono favorevole ma credo sia complicato metterci d’accordo tutti. E poi da Alice in su abbiamo esigenze diverse rispetto alle bassa valle”. Non mancano gli scettici. “Io e la mia amministrazione abbiamo sempre sposato la causa dell’Unione – commenta Giacomo Marchetti di Lugnacco – L’Unione la condivido, la fusione proprio no… Si perderebbe la propria identità”. Decisamente contrario al progetto è Federico Steffenina, primo cittadino di Vistrorio. “La Fusione, come del resto l’Unione, non servono a nulla. Non migliorano la vita dei piccoli Comuni. Se qualcuno pensa che solo unendosi con altre località si possano migliorare i servizi sbaglia. E di grosso. Qui in Valle non abbiamo i comuni metanizzati e non arriva nemmeno la banda larga per internet. I miei colleghi pensano davvero che la fusione possa risolvere i problemi? Pensiamo davvero di poter ridurre i costi della macchina amministrativa? Non è così. Io, per esempio, faccio il sindaco per hobby. Per l’attività amministrativa prendo 250 euro lorde. Praticamente gratis… Chi lavorerà gratis dopo?”. All’orizzone un referendum per lasciar decidere ai cittadini. Per la cronaca, al momento, sono in corso, oltre al progetto di fusione di tutti i comuni della Valchisuella anche tre progetti di fuzione per incorporazione del comune di Camagna Monferrato in quello di Casale Monferrato (35.347 abitanti), di Castagneto Po con Chivasso (28.586 abitanti), di Selve Marcone con Pettinengo, (1.523 abitanti).

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

IVREA. Malpede saluta Ballurio e scende in piazza con la Lega

Delle due l’una. O ieri mattina la Lega aveva bisogno di uno che in piazza …

CUORGNE’. Cavalot attacca l’Asl: “Ardissone non collabora coi Comuni”

CUORGNE’. Cavalot attacca l’Asl: “Ardissone non collabora coi Comuni”. Giancarlo Vacca Cavalot attacca frontalmente – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *