Home / Dai Comuni / Vialfrè, “le cose fatte e le cose da fare”
Il Sindaco Franco Prato

Vialfrè, “le cose fatte e le cose da fare”

Tempo di bilanci per il Sindaco Franco Prato. A maggio dismetterà il mandato e non si ripresenterà. Molte sono le iniziative realizzate in questi cinque anni, altrettante quelle rimaste in sospeso per carenza di fondi. “Quest’anno – ricorda Prato – è stato particolarmente incerto per quel che riguarda l’entità dei trasferimenti statali. E’ stato anche un continuo susseguirsi da parte dello Stato di sigle premonitrici di nuove tasse per i contribuenti (Tarsu. Tares, Imu, Trise, Iuc ecc.) che hanno creato un clima di sfiducia e tensione nella gente. Abbiamo mantenuto le stesse aliquote degli anni passati, l’unica maggiorazione è stata di 0,3 euro al mq. chiesta nel pagamento della seconda rata della Tares che finirà nelle casse dello Stato. Tutto questo si è pesantemente ripercosso sulle iniziative intraprese e gli investimenti che abbiamo potuto fare“.

A Pianezze, per esempio, per rendere il parco sempre più ospitale ed accogliente l’Amministrazione ha finanziato la copertura dei bagni in ingresso ed la pavimentazione del capannone esistente e ha sostituito due boiler giunti a fine vita. Nemmeno quest’anno, però, è riuscita a vendere il cannone sparaneve che negli anni passati aveva consentito di rendere l’area naturalistica appetibile anche nei mesi invernali. “L’utilizzo dell’area da parte degli scout – ricorda il Sindaco – ha consentito di raggiungere l’equilibrio fra entrate ed uscite. Il tariffario dovrà essere rivisto il prossimo anno“.

All’attivo tanti piccoli interventi, come l’installazione di un boiler istantaneo di cui il Comune era sprovvisto, la revisione completa del sito Internet, l’attivazione della biblioteca comunale nello chalet di via per Agliè gestita dalle volontarie Lara e Paola che la aprono ogni sabato dalle 14 alle 16 e hanno provveduto a catalogare oltre 1500 libri, presto sarà disponibile anche una postazione internet. Invece il progetto per i nuovi loculi cimiteriali, messo in cantiere l’anno scorso, non è ancora diventato operativo essenzialmente per ragioni economiche mentre l’avvio della variante del piano regolatore, approvata due anni fa, ha visto l’inizio della costruzione di due nuove abitazioni.

Contiamo, in primavera – annuncia il Sindaco Franco Prato – di realizzare nei punti critici del paese delle strisce pedonali. Sono stati avviati, al cimitero, i lavori per dedicare una piccola area a coloro che, dopo cremazione, hanno espresso il desiderio di spargere le proprie ceneri. Per il parco giochi, che contavamo di realizzare in via per Silva è stato chiesto un finanziamento alla fondazione CRT. Speriamo che ci venga accordato e di poter avviare i lavori al più presto“.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

RIVARA. “Data Officine” promuove la rassegna “Cinema d’Impresa all’aperto”

Data Officine, storica azienda familiare di Rivara attiva nel Canavese sin dagli inizi del Novecento, …

Il sindaco di Saluggia, Firmino Barberis

SALUGGIA. Solo chiacchiere e distintivo (e tanti soldi)

Facciamola tutta, allora, la storia. Firmino Barberis al Comune di Saluggia è stato – nell’ultimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *