Home / Dai Comuni / VERRUA SAVOIA. Oggi l’amministrazione è distante dai cittadini

VERRUA SAVOIA. Oggi l’amministrazione è distante dai cittadini

Tamara Patella, 46 anni. Geometra e mamma di 2 bambini. Ha un passato nel volontariato come clown di corsia e vive a Verrua da 11 anni.

Hai avuto precedenti esperienze nell’amministrazione pubblica?

Non ho precedenti esperienze nell’amministrazione pubblica, ma ho lavorato nel settore amministrativo di alcune aziende private, nelle quali mi occupavo delle relazioni con gli enti pubblici. Come geometra ho spesso a che fare con gli uffici comunali.

Perché hai deciso di candidarti?

L’ho valutata come una nuova esperienza. È un’occasione per mettermi in gioco e dare il mio contributo alla popolazione di Verrua Savoia. Voglio offrire una parte del mio tempo alla collettività.

Perché hai scelto proprio la lista di Mauro Castelli?

Mi è stato espressamente richiesto da Mauro. Lo conosco da quando sono a Verrua, è una persona che mi piace e ho deciso che ne valeva la pena. Entrambi la pensiamo alla stessa maniera e abbiamo gli stessi ideali.

Ti ritieni insoddisfatta dalla presente amministrazione?

Giudicando il loro operato come professionista, nelle relazioni che instauro per lavoro, non rilevo particolari criticità. Come cittadino invece noto una distanza tra la popolazione e l’amministrazione comunale, mi sembra mancare l’appartenenza al popolo che invece ritrovo in Mauro; non sono soddisfatta dalla disponibilità al dialogo dimostrata in questi anni.

Non sono stati anni facili per le amministrazioni comunali, basta pensare a Chiara Appendino, Virginia Raggi o Mimmo Lucano. Pensi che rispetto alle grandi città le realtà più piccole siano meglio gestibili?

Il paese può avere una marcia in più. Al di là del discorso economico ci può essere una maggior coesione tra le persone, grazie all’operato di tutti si possono creare le occasioni per migliorare il posto in cui si vive.

Tra i sindaci sopra indicati (o altri), identifichi un modello a cui ogni sindaco debba fare riferimento?

No, non ho seguito molto gli ultimi svolgimenti nazionali ma nemmeno a livello locale riesco a identificare un particolare modello di riferimento.

Di cosa ha maggiormente bisogno Verrua?

Soprattutto di manutenzione nelle strade ma più in generale tutto quello che è a stretto contatto con la popolazione, come fognatura, acquedotto e gas. In particolare occorre dedicare attenzione ai cimiteri, i quali non riescono ad essere pienamente accessibili dalle persone anziane.

Dove ritieni di poter offrire il tuo miglior contributo?

Sicuramente in tutto quello che concerne i rapporti umani e interpersonali. Abbiamo in programma l’aiuto alle persone anziane, ad esempio per i pasti o per i loro impegni. Credo che potrei essere d’aiuto nell’ascoltare le esigenze della popolazione per poi metterle in pratica.

Credi che la tua lista vincerà?

La sensazione è buona, sicuramente. Non abbiamo nulla in comune con la precedente amministrazione e sono convinta che la maggioranza della popolazione sceglierà chi propone un cambiamento.

Rispetto alla lista avversaria cosa credi di offrire in più?

Quello che ritengo fondamentale è essere allo stesso livello del popolo, il sindaco per primo. A me sembra invece che nella lista avversaria ci sia imparità nei confronti dei cittadini, sia nel sindaco che nei consiglieri. Noi vogliamo porci allo stesso livello, ascoltando le esigenze di ognuno e impegnandoci per soddisfarle.

Quale sarà il vostro primo intervento?

Manutenzione. I punti più urgenti sono la sistemazione delle strade e si continuerà con il nostro programma in base ai fondi disponibili.

Vuoi fare un appello al voto?

Se verremo eletti i verruesi si accorgeranno che avranno fatto la migliore scelta per Verrua.

Commenti

Blogger: Matteo Micciché

Matteo Micciché
Misi

Leggi anche

IVREA. Malpede saluta Ballurio e scende in piazza con la Lega

Delle due l’una. O ieri mattina la Lega aveva bisogno di uno che in piazza …

CUORGNE’. Cavalot attacca l’Asl: “Ardissone non collabora coi Comuni”

CUORGNE’. Cavalot attacca l’Asl: “Ardissone non collabora coi Comuni”. Giancarlo Vacca Cavalot attacca frontalmente – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *