Home / In provincia di Torino / VEROLENGO. Borasio pronto a riconquistare la poltrona: al suo fianco anche Giglia

VEROLENGO. Borasio pronto a riconquistare la poltrona: al suo fianco anche Giglia

L’ex sindaco Luigi Borasio è pronto e più carico che mai, per riconquistare quella poltrona che cinque anni fa Rosanna Giachello aveva saputo sfilargli, complici anche le fratture interne alla sua lista che avevano portato ad una spaccatura e due liste antagoniste. “All’epoca persi di 201 voti. Sommando i miei voti con quelli di Roberto Giglia avremmo vinto di ben 400 voti”. Forte di questi numeri Borasio spiega: “Quella frattura frutto di incomprtensioni e probabilmente di un po’ di inesperienza, si è risanata già da anni. Tra i banchi dell’opposizione io e Giglia abbiamo ritrovato quell’unità di intenti che ci animava nel 2009 ed ora siamo pronti per scendere in campo unendo le forze”. La squadra c’è già e riconferma in gran parte i consiglieri che si erano proposti nel 2014: “Non è facile tenere unito un gruppo quando si è in minoranza – spiega Borasio – è stato il mio più grande successo in questi cinque anni. Facile quando si è in maggoranza. Si hanno le giuste motivazioni e il necessario entusiasmo. In minoranza, invece è più difficilme, ma, come ho dimostrato, non impossibile”.

Ed ecco la squadra che affiancherà Borasio: “Agostino Viano, Roberto Giglia, Enrico Barbera, Daniela Caminotto, Mauro Mazzetti, Stefania Casa, Fulvio Masino, Tanja Reano, Alessandra Benedetto, Mirella Albano, Bruno Segato, Romano Mautino.

Sono quattro i volti nuovi e sono: Eunrico Barbera Daniela Caminotto, Romano Mautino e Alessandra Benedetto.

Anche il programma è ormai pronto. La sindaca Giachello, vietandoci l’uso degli spazi comunali, ci ha impedito di fare una cosa che ci stava molto a cuore: condividere i nostri punti programmatici direttamente con la popolazione. Una cosa assolutamente innovativa: realizzare un programma per gli amministrati, non per amministratore. E’ sata una ripicca perché dice che io da sindaco non glieli: ma lei non li chiese. Perché avrei dovuto offrirglieli? Non stavo mica vendendo il folletto!”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

NOLE. L Nóst Pais, da 25 anni per la tradizione

Da 25 anni l’Associazione ‘L Nóst Pais lavora sul territorio nolese cercando di mantenerne le …

SAN MAURIZIO. Materiali inquinanti nel terreno del depuratore? Biavati è tranquillo…

Ci sono dei materiali inquinanti nel terreno che il depuratore di Ceretta dovrà attraversare una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *