Home / In provincia di Torino / VENARIA. Sigilli all’elementare De Amicis
Dura presa di posizione da parte dei militanti di CasaPound nella tarda serata di giovedì, con i sigilli posti all’ingresso della scuola

VENARIA. Sigilli all’elementare De Amicis

Hanno messo i sigilli alla scuola elementare “De Amicis”, in piazza Vittorio Veneto, a due passi dal Municipio, nel cuore del centro storico cittadino.

Dura presa di posizione da parte dei militanti di CasaPound, nella tarda serata di giovedì.

La protesta nasce da alcuni problemi riscontrati nel corso di questi mesi: “L’ultimo piano è pericolante, ci sono infiltrazioni pericolose sia per la tenuta della struttura che per il fiorire di funghi e muffe che possono nuocere gravemente alla salute degli studenti. La giunta comunale aveva promesso lavori di ristrutturazione, la ‘fine lavori’ era prevista prima dell’inizio dell’anno scolastico, ma ovviamente le promesse sono state disattese e gli alunni continuano ad essere in serio pericolo proprio nel luogo in cui dovrebbero essere più tutelati. Continueremo a monitorare gli sviluppi. Siamo sicuri che, grazie alla nostra azione, in breve tempo la scuola tornerà agibile e sicura”, attaccano Matteo Rossino, responsabile provinciale di CasaPound, e il referente venariese Gaetano Cuttaia.

Per i due esponenti, l’azione dimostrativa è “per valorizzare un tema che dovrebbe stare a cuore di ogni genitore. Non vorremmo che i nostri figli fossero in pericolo tra i banchi di scuola. Sono e siamo determinati a far risolvere il problema al più presto, la sicurezza dei nostri figli è imprescindibile”.

Commenti

Blogger: Claudio Martinelli

Claudio Martinelli
Giornalismo "reale"

Leggi anche

CHIVASSO. Inaugurato il Palazzetto dello Sport PalaLancia

Sono stati inaugurati venerdì sera, 8 novembre, in occasione della presentazione della nuova stagione 2019/2020 …

VOLPIANO. Il filo che lega Volpiano e Platì, il Locale di ‘ndrangheta è vivo

Compare un migliaio di volte il nome di Volpiano nelle oltre 3.300 pagine dell’ordinanza in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *