Home / In provincia di Torino / VENARIA. È polemica sulla concessione della sala consiliare ai No Tav

VENARIA. È polemica sulla concessione della sala consiliare ai No Tav

Mercoledì 3 maggio, la sala consiliare di Venaria ha ospitato una serata di dibattito e informazione sul tema della Tav, alla presenza di attivisti e esperti di area “No Tav” e la massiccia partecipazione di consiglieri comunali e assessori dell’attuale maggioranza a 5 Stelle.

Una serata indigesta soprattutto per Saverio Mercadante che, pur essendo dal primo giorno molto “buono” con i grillini venariesi, questa volta ha deciso di smarcarsi perché non ha reputato logico né la concessione della sala né l’assenza di contraddittorio né tanto meno gli attacchi alle forze dell’ordine e alla magistratura avvenuti durante il dibattito post visione del video d’inchiesta “Archiviato”.

“Un uso improprio della sala consiliare – attacca – Voi siete una maggioranza e dovreste essere superpartes quando si toccano certi temi. E invece vi schierate, fate propaganda e attaccate, pur sapendo di essere dei pubblici ufficiali. Per me questa è una scelta che non posso condividere, anche perché quella sera non c’era neanche un esponente dell’area Sì Tav, hanno parlato solo coloro che hanno una determinata visione e determinate idee”.

Mercadante, poi, ha anche minacciato di dimettersi dalla commissione antimafia e anche da consigliere comunale “perché non si possono attaccare la magistratura e le forze dell’ordine, parlando di carnefici. Ma nessuno li ha fermati, anzi sono persino partiti applausi. Per me è gravissimo e non ci sono scuse o motivazioni di alcun genere che possano difendere questo atteggiamento. Ed è ancora più grave che in quest’aula si sia data l’opportunità di fare una serata anti Tav, con tanto di bandiere, quando invece non è stata concessa la sala per ospitare l’onorevole Mattiello per l’audizione segreta della commissione antimafia. Per questo mi sta passando l’idea di dimettermi dalla commissione, perché è davvero troppo”.

E Barbara Virga, presidente della stessa commissione antimafia, reputa “bizzarro questo comportamento del duo Falcone-Accorsi, che concedono la sala per la serata No Tav quando poche settimane prima quest’aula era stata usata per dare la cittadinanza onoraria a Nino Di Matteo. Sono due piani completamente diversi che non possono essere paragonati. E invece con questa concessione lo si è fatto. A Pianezza, una serata No Tav è stata organizzata in biblioteca: la differenza è enorme”.

E se il presidente Accorsi ha precisato come “la sala possa essere concessa direttamente dal sindaco, senza passare dalla presidenza del consiglio”, Falcone ha rimarcato come “quella serata fosse implicitamente aperta a qualsiasi cittadino Sì Tav, ma nessuno si è presentato per dibattere. Noi siamo No Tav, perché reputiamo quest’opera inutile e costosa. Quei soldi potrebbero essere utilizzati per altri scopi molto più nobili, come rimettere in sesto le scuole piemontesi o italiane. Messaggi anti forze dell’ordine? Io non sono contro le forze dell’ordine, ma bisogna essere vicini a chi manifesta e viene assalito senza motivazioni. Lo stesso dicasi per i processi ai No Tav che, a mio modesto parere, a volte non sono del tutto democratici…”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Laboratori lager, 150 euro mese per lavorare come schiavi

Condizioni di lavoro disumane, paghe da fame, turni massacranti. Una trentina di operai, cinesi, italiani …

polfer

CHIVASSO. Furti rame su tratte Fs, tre denunce in Piemonte

Diciannove ispezioni, 62 persone controllate, tre denunce. Sono i numeri del settore piemontese di Oro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *