Home / BLOG / Venaria: Datemi un lavoro! Ne ho bisogno

Venaria: Datemi un lavoro! Ne ho bisogno

“Aiutatemi” è il grido disperato di Iustin Rusu e la moglie Elena, genitori di tre minori due gemellini di 14 anni e una di 12 che vivevano dal 2008 stipati in una casa, di 26 metri quadri, in via Gabriele d’Annunzio.
Iustin è arrivato in Italia nel 2007 dalla Romania per realizzare un sogno: fare il giardiniere. E le cose erano andate per il meglio, almeno fino a che la ditta con cui lavorava ha cessato l’attività lasciando a casa i dipendenti. Inizia da qui inizia il lungo calvario della famiglia.
“Mi sono ritrovato senza lavoro e senza soldi – ci dice – in più è subentrata la spesa imprevista di una caldaia e mi sono ritrovato con parecchi arretrati….”
Sotto sfratto e senza risparmi per poter affittare un’altra casa, venerdì scorso è finito in mezzo a una strada  e ora si ritrovo senza un tetto e con tre minori a carico.
Al disperato grido d’aiuto di una famiglia che girovagava per le strade della Reale ha risposto Gianni Bagetto presidente ANTA – Nucleo Guardie Ambientali e dei volontari Protezione Civile “Le Aquile”.
“Abbiamo dato loro un tetto provvisorio – ci dice – Chiediamo anche alle associazioni di categoria di contribuire a sostenere questa famiglia”. Tra i primi a muoversi, quelli della comunità evangelica pentecostale rumena.
“Se qualcuno può, mi dia la possibilità di lavorare – è la supplica di Iustin Rusu Non chiediamo altro  che lavorare. Voglio farlo per i miei figli, come ho sempre fatto. Non chiedo l’elemosina, ma solo un aiuto”. 
Secca la replica dell’avvocato Marco Novara a tutela degli interessi del locatore.
“La morosità – dice – durava dal mese di Aprile 2016. Il signor Rusu ha ancora ottenuto tre mesi dal tribunale di Ivrea per trovare una nuova sistemazione o saldare definitivamente i debiti…”

Commenti

Blogger: Fabio Artesi

Fabio Artesi
Notizie "reali"

Leggi anche

Smeina a Mars

Smeina a Mars Smeina a Mars, smeina a Avrì, fina a Mag tij veghi nen …

BORGARO. Se ne va in pensione “l’uomo del tempo”

Se a Borgaro si fa il nome di Melchiorre Salvatore Novara, tutti diranno “ah, l’orefice”. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *