Home / In provincia di Torino / VALLI DI LANZO. Le donne salveranno le Valli dalla crisi economica

VALLI DI LANZO. Le donne salveranno le Valli dalla crisi economica

Le donne salveranno il territorio dalla crisi economica.

Sembra essere questo lo slogan di inizio anno delle Valli di Lanzo.

A dirlo è il “Rapporto Montagne Italia 2017”, uno studio presentato alla Camera che illustra i dati dell’occupazione dei territori montani.

Secondo i dati illustrati, il tasso di occupazione del gentil sesso supera di gran lunga quello degli uomini: la percentuale delle prime si attesta a 45,6 per cento contro il 41,8 dei secondi. I settori principalmente interessati sono quelli del turismo, delle aziende agricole e dell’assistenza sanitaria.

Un caso o c’è dietro una progettualità?

Secondo Tina Assanto, sindaco di Lanzo ed presidente dell’Unione Montana delle Valli di Lanzo, la risposta si troverebbe nella storia e nelle tradizioni del luogo. “Nei piccoli centri montani – commenta – la donna è sempre stata la colonna portante della famiglia”.

Non poteva quindi essere altrimenti. Ma non solo. Per capire quanto le donne sia intraprendenti da queste parti, è sufficiente analizzare le domande di chi ha partecipato ad un bando per la formazione di nuove imprese locali.

La metà erano donne – dice entusiata Mario Poma direttore del Gal delle Valli di Lanzo -. Presto faremo un nuovo bando perchè abbiamo ricevuto numerose richieste”.

Ogni azienda ha infatti ricevuto un contributo di 25 mila euro da investire. Non poco in questo periodo di crisi in cui è sempre più difficile arrivare a fine mese.

Stesso risultato per il volontariato. Anche qui, le quote rose superano di gran lunga la presenza maschile.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

MATHI. Droga: 20mila euro l’anno con marijuana km0, arrestato

Era arrivato a guadagnare fino a 20 mila euro l’anno coltivando marijuana a ‘km0’. Un …

IVREA. Manital: nessuna interruzione attività, si pagano stipendi

Nessuna interruzione delle attività imprenditoriali della Manital. Lo precisa la multiutility di Ivrea, con oltre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *