Home / Piemonte / Alessandria / VALENZA. Maestra uccisa: indagini serrate, ma le telecamere erano rotte
Auto contro un muro. La scorsa notte un automobilista è morto sul colpo dopo aver perso il controllo della sua Citroen che si è schiantata contro un muro
CARABINIERI

VALENZA. Maestra uccisa: indagini serrate, ma le telecamere erano rotte

Non ci saranno riprese video ad aiutare gli investigatori nella soluzione del giallo dell’omicidio di Ambra Pregnolato, la maestra d’asilo 41enne trovata morta, ieri pomeriggio, con ferite alla testa nella sua abitazione a Valenza. La telecamera di sorveglianza nella zona, infatti, non era funzionante. Dal pomeriggio di ieri i carabinieri hanno ascoltato numerosi testimoni, a partire dal marito, che ha trovato la donna morta al rientro a casa dal lavoro, condomini, amici, parenti e conoscenti. Verifiche da parte di inquirenti e investigatori su telefoni e spostamenti. La vittima, madre di una bimba di 12 anni, qualche mese fa aveva sofferto il grave lutto della scomparsa del nonno, cui era molto legata. La sua tragica morte ha suscitato grande commozione e incredulità sui social. “Povera donna… chissà chi l’ha uccisa”. “Non ce la faccio, non ho parole. Già troppe parole e chiacchiere. Ricordiamoci che è figlia, madre, sorella, Amica… Per questo un po’ di rispetto”, sono alcuni dei post pubblicati. Il corpo della maestra era riverso a terra in sala, in slip e maglietta. Non ci sarebbero segni di effrazioni alla porta; sarebbe, pertanto, stata esclusa la rapina lasciando aperte tutte le altre piste.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

oggi il vento è stato di nuovo protagonista nel meteo piemontese,

TORINO. Vento in montagna e anticiclone, continua periodo siccità

E oggi il vento è stato di nuovo protagonista nel meteo piemontese, con raffiche a …

l'assessore Chiara Caucino ha annunciato l'intenzione di convocare un tavolo

TORINO. Affidi: Piemonte apre a confronto, ddl sarà migliorato

Affidi, la Regione Piemonte apre al confronto sul disegno di legge ‘Allontanamento zero’. Dopo le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *