Home / Dai Comuni / VALCHIUSELLA. Valchiusella: fusione tra Comuni Se vinono i “sì” nasce Val di Chy
Lugnacco
Lugnacco

VALCHIUSELLA. Valchiusella: fusione tra Comuni Se vinono i “sì” nasce Val di Chy

Continua il processo di fusione dei Comuni della Valchiusella.

Dopo i lavori cominciati dalle amministrazioni comunali di Trausella, Vico e Meugliano, che nei giorni scorsi hanno approvato nei rispettivi Consigli comunali la loro volontà di unirsi, i vicini Lugnacco, Pecco e Alice Superiore sono già avanti con i lavori. Il prossimo 27 maggio, fra meno di venti giorni quindi, i cittadini saranno chiamati a votare al referendum consultivo per esprimere la loro opinione in merito. In caso di vittoria del Sì, quello di Val di Chy (questo sarà il nome del nuovo Comune, oltre a essere il più popoloso della valle, sarà il primo della Città metropolitana di Torino nato in seguito a una fusione”. E così nella serata di venerdì, per cercare di schiarire le idee ai cittadini, venerdì scorso, nel salone del Consiglio di Alice Superiore, i primi cittadini Giacomo Battista Marchetti, Remo Minellono e Michele Gedda hanno organizzato un incontro nella sala del Consiglio di Alice con il sindaco di Campiglia Cervo, nel biellese, fusosi qualche anno fa.

Vogliamom far capire ai cittadini – spiega il sindaco di Lugnacco, Giacomo Battista Marchetti il motivo per cui ritiene che la fusione sia un atto necessario”.

 

Nelle scorse settimane, anche anche Trausella, Vico e Meugliano hanno deciso di unirsi in un unico Comune. Per loro il referendum tarderà un po’ ad arrivare: la richiesta da inviare a Città Metropolitana è stata infatti approvata dai Consigli comunali solamente la scorsa settimana. Dopo l’approvazione da parte dell’ex Provincia, anche il Consiglio regionale dovrà esprimere parere favorevole. I tempi sono quindi ancora lunghi.

Qualche giorno fa siamo andati in Regione per un incontro con i funzionari che si occuperanno della nuova riorganizzazione – spiega il sindaco di Trausella, Mario Marubini (in foto), anche presidente dell’Unione dei Comuni Montani – I lavori sono appena cominciati”. Il referendum si terrà quindi tra settembre e novembre, come previsto dalla legge.

Commenti

Blogger: Antonia Gorgoglione

Antonia Gorgoglione
Parole... What else?

Leggi anche

Liceo botta

IVREA. Al liceo Botta, tutti pronti per gli scambi linguistici

Pronti per gli scambi linguisti gli studenti del liceo “Carlo Botta” previsti nel prossimo mese …

Cinque nuovi magistrati in arrivo a Ivrea?

Il governo rosso-verde fa un regalo alla Città di Ivrea. La notizia è di qualche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *