Home / BLOG / VALCHIUSA. Addio “Asta della Candela” per assegnare gli alpeggi
Il comune di Vico

VALCHIUSA. Addio “Asta della Candela” per assegnare gli alpeggi

A Valchiusa, una novità voluta dal commissario Diego della Verde: il 26 marzo, nella sede del comune in Largo Gillio 1, alle ore 10.00, si procederà alla gara all’asta pubblica per mezzo di offerte in busta chiusa, per l’assegnazione degli alpeggi di proprietà comunale. Non era mai successo che l’assegnazione dei terreni all’asta si decretasse così.

Fino a poco tempo fa vigeva ancora “l’asta della candela”di antiche origini, che legava nel tempo e lo spazio, margari, abitanti e contadini, riuniti presso i bar dei comuni, cementando il tessuto sociale della Valle. Spinti dal bisogno di sapere quale terreno sarebbe stato assegnato, discutevano e si confrontavano, anche in modo animato e violento; parlando si conoscevano e socializzavano, rendendo i paesi limitrofi mossi da interessi diversi, uniti un momento anche se distanti nelle loro diversità. Ad esempio, molti ricordano il vecchio messo Gabriele Olivetti di Meugliano che era responsabile dell’esito dell’asta pubblica e dell’assegnazione dei lotti quando i cerini accesi delle candele si spegnevano, segnando la fine delle offerte al rilancio dei margari, in locali spesso piccoli e sovraffollati. Se le vecchie tradizioni sembrano destinate a morire, la decisione presa dal commissario temporaneo di Valchiusa, ha un altro e semplice scopo: agevolare e velocizzare la questione degli affitti sia per l’amministrazione del neo comune sia per i margari e agricoltori interessati ai terreni. Le buste segrete, presentate entro il 25 marzo del 2019, nelle modalità previste dal bando pubblicato sul sito ufficiale del comune, contengono offerte in aumento, rispetto al prezzo base indicato nell’avviso di gara all’asta per l’affitto per cinque anni e sei mesi degli alpeggi e terreni di proprietà Comunale. La durata dell’affitto sarà dal 2019 al 2021, nel periodo che va dal primo giugno al 31 dicembre. I lotti in affitto saranno degli ex comuni di Vico: Alpe Pasquere, Alpe Prà Saudin, Pian del Ry, Rusc, Corn, Carnera, Prel, Prà, Alpe Ghiun, Alpe Munt, Balma, Alpe Cima, Viasca, Mirauda, Colme, la superficie a pascolo Avranco, lotto A e B; di Drusacco; di Iverso; di Meugliano: Alpe Fontana, Creus, Liun, Turc, Piana, Contessa Ricardi e Ghiaccio, Località Strump e di Trausella: Alpe Busen, Piana e Lion, Miunda, Granaioli, Palit, Gisvery, Piera e Torretta. Di questi, i terreni che saranno assegnati solo a coloro che svolgono anche allevamento bovino sono Alpe Pasquere,1, Alpe Prà Saudin, Pian del Ry, Rusc, Corn, Carnera, Prel, Prà , Alpe Cima, Viasca ,Alpe Fontana, Alpe Contessa Ricardi e Ghiaccio.

Commenti

Blogger: Veronica Rossetti

Veronica Rossetti

Leggi anche

IVREA. Sertoli non ha più una maggioranza grazie ai “Golpisti”. Governo in crisi

Non erano ancora arrivati a Palazzo e già si erano aumentati lo stipendio. Non avevano …

ALICE CASTELLO. Brutto incidente sull’A5, due veicoli si sono scontrati

Brutto incidente ad Alice Castello sull’autostrada A5, in direzione Santhià. Due auto si sono scontrate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *