Home / Dai Comuni / VAL DI CHY. Coltivava marijuana, arrestato un uomo di 43 anni

VAL DI CHY. Coltivava marijuana, arrestato un uomo di 43 anni

Prosegue incessante l’attività di contrasto dei Carabinieri della Compagnia di Ivrea per arginare il delicato fenomeno dello spaccio e dell’utilizzo di sostanze stupefacenti.

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Valchiusa (TO) hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio, D.G., di anni 43, residente in Val di Chy (TO), con precedenti di polizia.

In particolare, i militari dell’Arma, al termine dell’attività investigativa, sottoponevano a perquisizione un piccolo deposito, in uso al predetto, situato in area agricola del Comune di Val di Chy, rinvenendo una rigogliosa coltivazione di sostanza stupefacente tipo “marijuana”. Le piante, coltivate all’interno di grossi vasi, erano custodite all’interno di un box rurale semi-abbandonato, dotato di un efficiente impianto di ventilazione e illuminazione artificiale.

I carabinieri, all’esito dell’accertamento, procedevano ad operare altresì una perquisizione domiciliare del suo appartamento in Val di Chy, rinvenendo e sequestrando oltre 420 grammi di sostanza stupefacente tipo “marijuana”, contenuta all’interno di diversi barattoli in vetro e sacchetti di cellophane, qualche grammo di “hashish” e un piccolo quantitativo (inferiore al grammo) di stupefacente del tipo “MDMA” (ecstasy).

Su disposizione della Procura della Repubblica di Ivrea l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida fissata nei prossimi giorni.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Nuovo DPCM. Feste vietate, cinema chiusi, stop a palestre, scuole al 75% e al ristorante fino alle 18

Ristoranti chiusi alle 18 e la domenica, stop a cinema e teatri, congressi e concorsi, …

Giorgia Povolo

IVREA. Cambia l’organizzazione del servizio pre e post scuola. Bufera su Povolo. “Ma cosa vi siete fumati?”

E’ bastato avvisare le famiglie che a partire da lunedì 26 ottobre sarebbe cambiata l’organizzazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *