Home / In provincia di Torino / USSEGLIO. “No al parcheggio di Malciaussia”. La proposta alternativa di Rubiola

USSEGLIO. “No al parcheggio di Malciaussia”. La proposta alternativa di Rubiola

Malciaussia non deve diventare un parco divertimenti: vogliamo avviare un dialogo costruttivo per rivedere il progetto”.

Chi parla è Franco Rubiola, capogruppo di minoranza al Comune di Usseglio. Al centro del mirino il famigerato parcheggio da 150 posti auto che dovrebbe sorgere ai 1.800 metri al termine della Val di Viù, al cospetto del Rocciamelone e del lago meta di tanti turisti che – d’estate – sfuggono alla calura torinese con una gita in giornata.

Rubiola ha scritto una lettera aperta, destinata a tutte le istituzioni, gli enti e soprattutto alla popolazione e distribuita sabato  mattina in occasione della Fiera di San Martino a Viù. “La vocazione naturale di Malciaussia è quella di diventare meta di un turismo rispettoso e consapevolescrive Rubiola – quindi è doveroso salvaguardare la bellezza naturale di un luogo alpino con

lo scenario di pascoli e cattedrali di roccia che lo abbracciano, non sbancando circa 3.000 mq di montagna e favorire così un maggior afflusso di persone lungo una strada stretta e senza barriere di protezione”.

Rubiola punta anche il dito sul fatto che l’opera avrebbe un costo molto oneroso, interamente a carico della comunità, soprattutto facendo notare che servirebbe per i soli weekend di luglio e agosto.

A supporto delle sue osservazioni il capogruppo della minoranza di Usseglio cita i costi di quasi 10.500 euro solamente per lo studio preliminare di fattibilità del progetto.

E lancia una doppia proposta alternativa, che definisce “ecocompatibile ed economica”: istituire un bus navetta gratuito ed efficiente  che da Margone trasporti i turisti a Malciaussia, per 8 weekend l’anno, quelli di luglio e agosto. Il costo? Circa 6mila euro, quasi la metà del solo studio preliminare. La navetta sarebbe abbinata a una ZTL, sui soli giorni di funzionamento della navetta, che vieti alle auto di salire al lago, con le doverose deroghe per residenti, proprietari, clienti del Rifugio Vulpot, allevatori e margari, dipendenti Enel per la centrale.

Franco Rubiola chiede all’Amministrazione, alle istituzioni, ai cittadini, un dialogo e un’analisi sull’argomento, prima di ipotizzare il parcheggio. Con un anno di sperimentazione con questa doppia modalità (navetta gratuita più ZTL), per trarne tutte le considerazioni.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Carabinieri (foto d'archivio)

TORRAZZA. Proiettile contro un’abitazione: “Temiamo arrivi dal poligono”

Un solo sparo, in pieno giorno ha colpito la porta della villa di una coppia …

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

Un commento

  1. Assolutamente contraria al parcheggio che deturperebbe il paesaggio in modo definitivo.
    Piuttosto si decida un accesso limitato il sabato e la domenica di luglio e agosto. Passa un certo numero di macchine, come si fa in altri luoghi turistici da salvaguardare, con controllo alla sbarra di Margone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *