Home / BLOG / Una pista davvero poco pedonale…
pista pedonale monteu

Una pista davvero poco pedonale…

Anche a Monteu da Po c’è una pista pedonabile, lungo corso Industria, sul lato destro venendo dalla Provinciale 590 della Valle Cerrina. Una bella passeggiata di oltre un chilometro, con una sosta in panchina, sino ad arrivare al Parco Giochi proprio all’ingresso del centro abitato. Realizzata in battuto di cemento qualche anno fa dall’allora amministrazione comunale, il percorso corre sotto i tigli, che d’estate attenuano la calura ma schermano anche l’illuminazione notturna, di per sé, quanto mai carente. In autunno, la caduta delle foglie e la pioggia rendono il terreno scivoloso. Avrebbe potuto essere una via sicura per i pedoni diretti o provenienti dalla fermata del bus o della ferrovia, ormai morta e sepolta.

Dico avrebbe perché le sconnessioni del manto, i tombini sopraelevati (non si capisce come l’acqua possa cadervi), la scarsa, nulla, illuminazione, la rendono poco utilizzata anche dalle badanti che spingono carrozzelle sulla sede stradale. Quando la pista fu costruita la stazione ferroviaria era ancora in esercizio, quindi perché la pista termina un centinaio di metri prima? Contrasti con i proprietari dei terreni, con la Soprintendenza Archeologica? Sul tratto percorribile, ultimamente oggetto di una pulizia accurata da parte del Comune, il battuto andrebbe in più punti risistemato, ma tutti sappiamo che non ci sono soldi neanche per le opere indispensabili. Al contrario chi realizza lavori che riguardano la propria proprietà e distrugge una parte del tracciato della “pedonabile” già esistente, non dovrebbe risistemarlo o almeno renderlo percorribile come prima? E chi dovrebbe imporre il ripristino? Ci lamentiamo sempre che la “cosa pubblica” non funziona ma anche nelle cose più minute e che non sembrano di grande utilità per tutti, non poniamo l’attenzione che si dovrebbe. E la colpa poi, in fondo, è di ognuno di noi…

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

SAN BESSO

Non so se vi ricordate di quando, raccontando del sarcofago di Caio Atecio Valerio, vi …

finanza

Regali per pilotare gli appalti, bufera sulla sanità. C’è anche l’AslTo4

Denaro, gioielli, oggetti preziosi, favori. Chi voleva aggiudicarsi alcuni appalti nella sanità piemontese non doveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *