Home / Piemonte / TRINO. “Portinaro in Sogin? Serve chiarezza”
Il deputato Mirko Busto

TRINO. “Portinaro in Sogin? Serve chiarezza”

Non bastava, a quanto pare, a Portinaro avere già un doppio incarico, essendo al contempo sindaco e presidente della Consulta Anci dei Comuni sede di servitù nucleari. Perché fermarsi lì quando si può diventare anche membro del Cda della società di Stato che dovrebbe seguire lo smantellamento nucleare, a cui il comune che amministra è fortemente interessata in quanto territorio deputato a ospitare sedi d’impianti e depositi nucleari. Se non fossimo in Italia penserei a uno scherzo. Invece purtroppo è tutto vero”.

E’ una critica aspra quella di Mirko Busto, sulla  nomina  del sindaco di Trino, Alessandro Portinaro, a membro del nuovo Consiglio di amministrazione di Sogin.

Il deputato 5 Stelle membro della commissione Ambiente si chiede infatti come il sindaco trinese si comporterà “da qui in avanti”. “A chi risponderà – si chiede Busto -, alla comunità trinese o all’esecutivo di Sogin, esecutivo a cui parteciperà tra l’altro come unico socio rappresentante del ministero dell’Economia? Ma stiamo scherzando? Così come anche avevano sostenuto gli ambientalisti la scorsa settimana, anche il pentastellato parladi conflitto di interessi. Quindi continua: “Un sindaco viene eletto dalla cittadinanza per tutelare i cittadini e fare i loro interessi, chi garantirà agli abitanti di Trino che questo avvenga? Il conflitto d’interesse è così palese che non può lasciare indifferenti. Per questo come M5S faremo tutto ciò che è in nostro potere per chiarire questa situazione schierandoci ancora una volta dalla parte dei cittadini, dei comitati locali, delle associazioni e organizzazioni che da anni combattono per vedere garantiti i propri diritti e tutelato il proprio territorio dal sempre più grave problema che deriva dai depositi nucleari della zona. Servirebbe trasparenza, responsabilità e partecipazione. Servirebbe un Osservatorio permanente formato da cittadini, comitati locali e persone che vivono il territorio. Servirebbero politici liberi e onesti, senza doppi o tripli incarichi, mani legate o diversi interessi se non quello del bene comune. Servirebbe un governo in grado di gestire l’emergenza, perché di questo si tratta, bisognerebbe rendere operativi sia l’ente di controllo Isin sia il programma nucleare nazionale… che fine ha fatto?

Servirebbero tante cose a Trino come all’Italia – conclude Busto – l’unica non necessaria è l’ennesimo conflitto d’interesse per cui a perderci, ancora una volta, saranno solo i cittadini”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Lanzo – Cassa integrazione, sì fino a 18 settimane, ma restano non poche incertezze interpretative

La ripartenza del sistema economico dopo il lungo lockdown stenta a decollare, soprattutto nelle aree …

SETTIMO T.SE. Prelievo Fidas per giovedì 4 giugno solo con prenotazione

La sezione Fidas donatori sangue ha fissato per giovedì 4 giugno una raccolta di sangue …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *