Home / In provincia di Vercelli / TRINO. Memoria della salvezza: i volti e le storie nella sede della Partecipanza dei Boschi

TRINO. Memoria della salvezza: i volti e le storie nella sede della Partecipanza dei Boschi

Domenica 20 gennaio presso la sede della Partecipanza dei Boschi si è svolta l’inaugurazione della mostra fotografica Memoria della salvezza: i volti e le storie, un’iniziativa realizzata dall’Associazione Librarte, in collaborazione con la Partecipanza dei Boschi di Trino, Anpi, Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea e con il patrocinio del Comune, per ricordare i fatti che hanno colpito gli ebrei tra gli anni ’30 e ’40 del secolo scorso. Le fotografie ritraggono ebrei milanesi che nel corso della loro vita, a causa della promulgazione delle leggi razziali, subirono sfollamenti e vennero trasferiti nella campagna lodigiana e nella zona del Lago di Como. Si tratta di una mostra curata da Chiara Ferrarotti, trinese scomparsa a soli cinquant’anni che dedicò parte della sua vita alla ricerca sulla comunità ebraica in Italia.

Nel corso della giornata inaugurale è intervenuta la professoressa Anna Segre, direttore della rivista ebraica Ha Keillah che ha parlato della situazione nelle scuole italiane durante gli anni della dittatura fascista.

La mostra fotografica verrà aperta al pubblico nei fine settimana dalle 14.30 alle 17.30 fino a domenica 3 febbraio. In programma anche visite di studenti della scuola primaria e secondaria, di primo e secondo grado.

Le iniziative trinesi per il Giorno della Memoria non sono terminate: domenica 27 gennaio alle 10.30 presso la Biblioteca Civica “Favorino Brunod” verrà presentato il libro «Non mostratevi dalla finestra!» La storia della Catlinin che non volle voltarsi dall’altra parte, curato da Pier Franco Irico ed incentrato sulla difficile situazione vissuta dagli ebrei trinesi dopo l’8 settembre del 1943. L’incontro è patrocinato dal Comune di Trino e dall’Anpi; domenica inizierà anche la campagna di tesseramento Anpi 2019.

Commenti

Blogger: Sara Mazzola

Sara Mazzola
Investigando. La regola delle 5 W.

Leggi anche

BORGARO. Lavoro: operai senza permesso soggiorno, denunciato

L’amministratore unico di una ditta di lavori edili è stato denunciato dai carabinieri per avere …

VERCELLI. Neonato morto dopo parto in casa: Asl, fatte tutte procedure

Nel caso del neonato morto dopo il parto in casa, a inizio agosto, in Valsessera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *