Home / In provincia di Torino / TORRAZZA PIEMONTE: Ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Cto di Torino, l’operaio ha ustioni su 15% del volto
Elisoccorso
Elisoccorso

TORRAZZA PIEMONTE: Ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Cto di Torino, l’operaio ha ustioni su 15% del volto

Incidente sul lavoro oggi a Torrazza Piemonte (Torino) nel nuovo centro Amazon, dove un operaio italiano di 31 anni è stato investito da una scarica elettrica mentre stava lavorando a una cabina elettrica.  A quanto si apprende l’operaio è dipendente di una ditta appaltatrice che effettua dei lavori all’interno di Amazon. Trasportato all’ospedale Cto di Torino dall’elisoccorso del 118, l’uomo è intubato e ha riportato il 15% di ustioni sul volto. La prognosi è riservata. Nel centro è scattato il piano di emergenza previsto per situazioni di questo tipo. I tecnici dell’Arpa sono attesi al nuovo centro Amazon di Torrazza Piemonte, sull’accaduto stanno svolgendo accertamenti i carabinieri e lo Spresal. La zona è stata messa in sicurezza dai vigili del fuoco con il supporto del nucleo Nbcr (Nuclerare biologico chimico radiologico)

“Nelle prime ore della mattinata si è verificato un incidente all’esterno del nostro centro di distribuzione di Torrazza Piemonte. Un dipendente di un’impresa fornitrice addetto ai lavori di manutenzione è rimasto infortunato e trasportato immediatamente al pronto soccorso. Insieme alle autorità competenti stiamo effettuando degli accertamenti per capire le origini dell’evento. I nostri pensieri in questo momento vanno al lavoratore, al quale auguriamo una pronta guarigione. Vogliamo ringraziare i primi soccorritori per il pronto intervento effettuato”. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Amazon in relazione all’incidente avvenuto stamani.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

NOLE. L Nóst Pais, da 25 anni per la tradizione

Da 25 anni l’Associazione ‘L Nóst Pais lavora sul territorio nolese cercando di mantenerne le …

SAN MAURIZIO. Materiali inquinanti nel terreno del depuratore? Biavati è tranquillo…

Ci sono dei materiali inquinanti nel terreno che il depuratore di Ceretta dovrà attraversare una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *