Home / Dai Comuni / TORRAZZA. Delitto Caccia: Spataro, ucciso perché fece il suo dovere
San Sebastiano
Il procuratore Bruno Caccia

TORRAZZA. Delitto Caccia: Spataro, ucciso perché fece il suo dovere

“Il rispetto reciproco è la chiave di volta del contrasto alla criminalità. Ognuno di noi deve praticare le regole del rispetto nella propria quotidianità, chiunque sia il nostro interlocutore reale o potenziale”. Così Armando Spataro, procuratore capo a Torino, durante un incontro organizzato a Palazzo di Giustizia nel capoluogo piemontese in memoria di Bruno Caccia, il magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta il 26 giugno 1983 in un agguato vicino alla sua abitazione in via Sommacampagna.
“Caccia – ha aggiunto – è stato ucciso per aver fatto il suo dovere sino in fondo. La sua vita e le cause della sua morte devono essere un valore per il presente e per il futuro”.
Spataro ha definito Caccia “una persona sobria” che “parlava poco, ascoltava attentamente i colleghi e rappresentava una spinta per tutti”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Una navetta sostituisce la ferrovia Torino-Ceres da Venaria

Dal 25 agosto la linea treno Sfma, l’ex Torino-Ceres, si ferma a Venaria; per il …

SETTIMO TORINESE. Brovarone & friends, ieri e oggi

L’amicizia vera, quella di lunga data, che resiste al tempo esiste davvero… Ivano Brovarone, nato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *