Redazione

di: Redazione

Home / In provincia di Torino / TORRAZZA. Delitto Caccia: legali Schirripa, chiederemo audizione toghe

TORRAZZA. Delitto Caccia: legali Schirripa, chiederemo audizione toghe

Chiarire se davvero negli uffici giudiziari torinesi all’epoca dell’omicidio del procuratore Bruno Caccia, nel 1983, c’erano magistrati che intrattenevano “relazioni pericolose” con ambienti della criminalità comune e organizzata. Questo è il proposito degli avvocati difensori di Rocco Schirripa, uno dei presunti esecutori dell’agguato a Caccia, che al processo d’appello, in programma il 5 febbraio, intendono chiedere l’audizione di toghe oggi in pensione: tra queste figurano l’ex procuratore generale del Piemonte Marcello Maddalena, l’ex procuratore di Pinerolo, Giuseppe Marabotto, l’ex procuratore capo a Torino Francesco Marzachì, la giudice Franca Carpinteri.
“L’obiettivo – dicono Basilio Foti e Mauro Anetrini – non è gettare fango o sospetti sulla magistratura. Bisogna capire se quella pista, all’epoca, avrebbe dovuto essere battuta. Ma soprattutto bisogna capire se il pentito Vincenzo Pavia, che ne ha parlato oggi in una intervista a La Stampa, è credibile o no”. Pavia, negli anni Novanta, era stato interrogato dai pm della procura di Torino e, su questo aspetto, aveva reso – secondo quanto si ricava dai verbali disponibili – solo delle allusioni. Pavia ha parlato del coinvolgimento di Schirripa (condannato in primo grado all’ergastolo) nel delitto Caccia.
Pavia accennò alle toghe una prima volta il 5 dicembre 1995 in Svizzera dopo essere stato arrestato: “Se parlo devo coinvolgere carabinieri e magistrati.
Ma temo per la mia famiglia”.
In un secondo interrogatorio, il 24 giugno 1996, alla presenza dei pm Sandro Ausiello e Marcello Maddalena, disse che era contrario all’ipotesi di uccidere Caccia “della quale si parlava molto nel nostro ambiente perché l’atmosfera era diventata pesante in seguito al suo arrivo: non c’erano più spazi per ottenere una qualche mano come si poteva sperare con altri magistrati”. Quattro giorni dopo, in un nuovo interrogatorio verbalizzato alla presenza del procuratore Marzachì, non si affrontò la questione “toghe”.
Pavia – che nel processo contro Schirripa ha testimoniato – nell’intervista resa oggi ha lasciato intendere che davanti a Marzachì non volle parlare. Gli avvocati Foti e Anetrini si chiedono perché non rese dichiarazioni sull’argomento il 24 giugno.

Commenti

Leggi anche

PIVERONE. Il Consorzio presenta le nuove annate della Cantina della Serra

La cantina della Serra S.c.a. ha presentato domenica 2 dicembre alle 17, le nuove annate …

IVREA. Sequestrati dalla Guardia di Finanza oltre 20000 articoli pericolosi

Erano pronti per la vendita in vista delle imminenti festività Natalizie gli oltre 20.000 articoli …