Home / Piemonte / TORINO. Violenza donne: cabina regia, allo studio residenza fittizia
Il ministro delle riforme Maria Elena Boschi
Il ministro delle riforme Maria Elena Boschi

TORINO. Violenza donne: cabina regia, allo studio residenza fittizia

La possibilità di dichiarare una residenza fittizia per tutelare le donne vittime di violenza è uno strumento di tutela allo studio della cabina di regia nazionale del Dipartimento Pari Opportunità, presieduta dalla sottosegretaria Maria Elena Boschi, che si è riunita oggi a Palazzo Chigi. Lo riferisce l’assessora alle Pari Opportunità del Piemonte, Monica Cerutti. “Colgo con soddisfazione che sono state accolte due proposte di lavoro che ho evidenziato al tavolo di oggi – dichiara l’assessora – La prima è un’analisi dell’utilizzo dello strumento del congedo indennizzato dall’Inps per le donne vittima di violenza, che da primi dati sembra non decollare. A questo proposito registro con favore l’integrazione nella cabina di regia di rappresentanti delle organizzazioni sindacali. L’altra è lo studio per introdurre la possibilità di dichiarare una residenza fittizia per tutelare le donne vittime di violenza, in modo da garantirne la loro irreperibilità da parte dell’uomo maltrattante”. “Come Regioni – aggiunge inoltre Cerutti – stiamo lavorando alle schede di rilevazione e programmazione delle attività dei Centri Antiviolenza e Case Rifugio, auspicando di arrivare rapidamente ad una sintesi condivisa con il Dipartimento Pari Opportunità”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

LANZO – Riflessioni sulla pandemia dalle Valli di Lanzo

Sono le minoranze più rumorose, lo sappiamo bene, a farsi notare di più in ogni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *