Home / Piemonte / TORINO. Violenza donne: botte al risveglio, arrestato il marito violento
violenza sessuale

TORINO. Violenza donne: botte al risveglio, arrestato il marito violento

Accanto a lei, al ritorno dalla preghiera in moschea, c’erano alcune amiche e non il figlio quindicenne come avveniva di solito. Così la mattina dopo, quando il marito se n’è accorto, l’ha svegliata a bastonate.

L’ennesima aggressione ha spinto Amina, marocchina di 30 anni, a dire basta ad anni di violenze e soprusi e a denunciare le aggressioni alla polizia. La storia di coraggio a Torino, dove gli agenti del commissariato Barriera di Milano hanno arrestato l’uomo e affidato la donna e i suoi tre figli alle cure dell’associazione Rete Daphne, che dal 2008 ha accolto e sostenuto quasi 1.500 vittime di violenza.

“Speriamo che la storia di Amina serva a incoraggiare le donne che subiscono maltrattamenti ad avere fiducia nelle forze dell’ordine e delle istituzioni”, è l’auspicio della Questura di Torino, che ha salvato la donna da quel marito, già denunciato in passato e poi perdonato perché aveva assicurato di essere cambiato. Una promessa mai mantenuta perché, subito dopo, i soprusi erano ricominciati.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

BALANGERO. Amiantifera, Leone: “Facciamo sentire la nostra voce”

L’assessore regionale all’Ambiente  ha lanciato nei giorni scorsi l’allarme sulla mancanza di fondi dello Stato …

TORINO. Embraco, i sindacati: “Difendere i lavoratori”

Difendere i lavoratori della ex Embraco, oggi Ventures, di Torino e la dignità del Paese: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *