Home / Piemonte / TORINO. Violenza donne: botte al risveglio, arrestato il marito violento
violenza sessuale

TORINO. Violenza donne: botte al risveglio, arrestato il marito violento

Accanto a lei, al ritorno dalla preghiera in moschea, c’erano alcune amiche e non il figlio quindicenne come avveniva di solito. Così la mattina dopo, quando il marito se n’è accorto, l’ha svegliata a bastonate.

L’ennesima aggressione ha spinto Amina, marocchina di 30 anni, a dire basta ad anni di violenze e soprusi e a denunciare le aggressioni alla polizia. La storia di coraggio a Torino, dove gli agenti del commissariato Barriera di Milano hanno arrestato l’uomo e affidato la donna e i suoi tre figli alle cure dell’associazione Rete Daphne, che dal 2008 ha accolto e sostenuto quasi 1.500 vittime di violenza.

“Speriamo che la storia di Amina serva a incoraggiare le donne che subiscono maltrattamenti ad avere fiducia nelle forze dell’ordine e delle istituzioni”, è l’auspicio della Questura di Torino, che ha salvato la donna da quel marito, già denunciato in passato e poi perdonato perché aveva assicurato di essere cambiato. Una promessa mai mantenuta perché, subito dopo, i soprusi erano ricominciati.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

noè fiano

FIANO. Francesca Noè non si ricandida, ci sarà solo Casale?

Cinque anni fa, una campagna elettorale di fuoco. Da un lato Luca Casale, con la …

CHIVASSO. L’ultimo abbraccio a “Nice”

CHIVASSO. L’ultimo abbraccio a “Nice”. C’erano i volontari della Croce Rossa, le “sue” crocerossine, i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *