Home / Piemonte / TORINO. Ucciso con colpo pistola: fermato interrogato nega le accuse

TORINO. Ucciso con colpo pistola: fermato interrogato nega le accuse

Si dichiara innocente Marco Sapino, 53 anni, l’uomo fermato dalla polizia con l’accusa di aver ucciso Adriano Lamberti, il 43enne trovato morto, senza vestiti, nello scantinato di un Caf in via Martorelli 73.
“Ieri ci siamo incontrati al partenariato – ha detto Sapino agli investigatori che l’hanno interrogato – Ci siamo visti, poi lui è andato via con altri due amici. Non ho idea di cosa sia successo dopo”.
Sapino, titolare del Caf assistito dall’avvocato Fabrizio Bernardi, e Lamberti, carrozziere, si incontravano spesso per diversi affari, tra cui la vendita di alcune auto. Gli inquirenti sospettano che l’omicidio sia avvenuto proprio per questioni economiche.
A quanto si apprende, Lamberti è stato ucciso con due colpi di pistola alla testa. Sul corpo aveva diversi segni di arma da taglio e ustioni. Chi lo ha ammazzato avrebbe anche provato a dargli fuoco.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. La città scende in piazza per le olimpiadi, ma Appendino non ha rimpianti

Di fare la “stampella” a Milano, non ne aveva nessuna intenzione. Ed anche ora che …

TORINO. Scontro Salvini-Di Maio per il via libera ai bandi per i lavori della Tav

Via libera ai bandi per i lavori, in Italia, della Torino-Lione. All’indomani dell’ultimatum al governo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *