Home / Piemonte / TORINO. Torna la Partita del Cuore per la ricerca sul cancro
Partita del cuore
Partita del cuore

TORINO. Torna la Partita del Cuore per la ricerca sul cancro

Torna a Torino la Partita del Cuore.
L’annuncio è stato dato nel corso dell’incontro annuale con le 22 delegazioni piemontesi della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. La 28/ma edizione della manifestazione, momento culminante delle attività di raccolta fondi a favore dell’Istituto di Candiolo, vedrà affrontarsi il 27 maggio all’Allianz Stadium la Nazionale Italiana Cantanti e i Campioni della Ricerca. Lo scorso anno si era svolta a Genova.
“Curare sempre più e meglio è la nostra missione – ha detto parlando a delegati, volontari, medici e ricercatori la presidente della Fondazione, Allegra Agnelli -. Quello che avevamo promesso lo abbiamo realizzato, adesso possiamo disegnare il futuro della Fondazione e dell’Istituto. E’ un nuovo punto di partenza”.
“Risorse indispensabili” sono le delegazioni e le migliaia di sostenitori. “Solo grazie a loro – prosegue Allegra Agnelli – riusciamo a mettere a disposizione di ricercatori e clinici le migliori armi per combattere il cancro”.”Nel 2018 – aggiunge il direttore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, Gianmarco Sala – grazie all’impegno di delegati, volontari e grazie alla generosità di tanti sostenitori, la Fondazione ha potuto mettere a disposizione dell’Istituto di Candiolo IRCCS importanti risorse per attrezzature, strumentazioni e capitale umano, finalizzate alla Cura e alla Ricerca sul cancro. Ne è un esempio il Robot da Vinci, che ha ampliato la prospettiva in materia di chirurgia robotica. Per noi la centralità della persona è un valore, per questo nei prossimi anni ci impegneremo per continuare a garantire ai pazienti le migliori risorse umane e tecnologiche disponibili”.
Il direttore scientifico, Anna Sapino, ha ricordato che a Candiolo nella ricerca sono impegnate 310 persone e che c’ è                 stata una costante crescita qualitativa: “Le pubblicazioni scientifiche sono cresciute del 32% in un anno e Candiolo è al secondo posto fra tutti gli istituti italiani per numero di pubblicazioni sulle 10 più importanti riviste del mondo”.
All’incontro con le delegazioni piemontesi della Fondazione era presente anche Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Ospedale Regina Margherita

TORINO. Funzionano le staminali nel fegato dei neonati con malattie rare

Cellule staminali per curare neonati affetti da gravi patologie genetiche e rimandare così il trapianto …

TORINO. Neonata muore in ospedale torinese, avviata indagine interna

Una neonata è morta subito dopo il parto all’ospedale Maria Vittoria di Torino. La gravidanza, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *