Home / Piemonte / TORINO: Tentano il sequestro di una donna , fermati dalla polizia

TORINO: Tentano il sequestro di una donna , fermati dalla polizia

Un probabile sequestro di persona è stato sventato a Torino dalla polizia. Agenti della squadra volanti hanno bloccato dopo un lungo inseguimento un furgone in corso Vinzaglio su cui, insieme a tre uomini di nazionalità straniera, si trovava una donna legata con delle fascette. A dare l’allarme, secondo le prime informazioni, erano stati alcuni passanti da piazza San Carlo che avevano assistito alla scena. “Sono arrivati con un furgone nero in contromano. La signora, sulla cinquantina, era a passeggio. E’ stata presa e caricata su un furgone. Urlava”. E’ il racconto di Saverio , dipendente di una gelateria che stamani, nel centro storico di Torino, ha assistito al sequestro di una donna poi sventato dalla polizia. La scena si è svolta all’angolo tra piazza Cln e via Giolitti. “La donna – dice il testimone – si è messa a urlare mentre il suo accompagnatore è scappato. L’uomo che l’ha presa sembrava un buttafuori. Aveva il volto coperto da un passamontagna”. Volevano nascondersi in un parcheggio privato in via Giusti, a poca distanza dalla questura, i tre uomini che oggi hanno sequestrato una donna in piazza San Carlo a Torino. Tutti sono stati arrestati dagli agenti delle volanti. “Sono scesi – racconta Andrea, il titolare dell’esercizio – e mi hanno chiesto se potevano lasciare il furgone al piano di sotto. Parlavano in inglese, sembravano dell’Est. Quando gli ho detto di ‘no’, spiegando loro che il furgone era troppo grosso, hanno fatto inversione per uscire. Ma si sono trovati davanti la polizia”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Compagnia San Paolo: per il 2020 stanziati 180 milioni

La Compagnia di San Paolo erogherà quest’anno 151 milioni di euro a cui si aggiungeranno …

TORINO. Cirio a Capo Verde, Piemonte rafforza sinergie

La Regione Piemonte rafforza il proprio legame con Capo Verde, una trentina di progetti messi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *