Home / Piemonte / TORINO. Spazio: pronto Airlock, nuovo modulo a ‘uso commerciale’
Spazio
Spazio

TORINO. Spazio: pronto Airlock, nuovo modulo a ‘uso commerciale’

Tahales Alenia Space, che ha realizzato oltre il 40% del volume abitabile della Stazione Spaziale Internazionale, della quale è la seconda contraente industriale dopo la Boeing, consegna oggi Airlock, un nuovo modulo destinato al centro orbitante. Realizzato nel tempo record di un anno dall’avvio della commessa, con l’impiego di circa 100 persone, il modulo sarà spedito per via aerea a Houston, sede della Nanorack, che lo ha acquistato e che ne completerà l’assemblaggio per poi inviarlo a Cape Canaveral in Florida, dove nell’agosto 2020 avverrà il lancio. Il modulo Airlock, soprannominato Bishop come l’alfiere degli scacchi per la sua capacità di muoversi agilmente e collocarsi in molteplici posizioni, è considerato l’apripista per un nuovo uso maggiormente ‘commerciale’ dello spazio. Potrà infatti ospitare e dislocare ‘payload commerciali o governativi’, ovvero carichi paganti. Inclusi piccoli satelliti che, lanciati dallo spazio anziché dalla terra, potranno essere mandati in orbita senza l’ausilio dei razzi, con un risparmio notevole di risorse. Si avvia così un abbattimento dei costi di accesso allo spazio che apre nuove opportunità per gli enti di ricerca pubblici e privati, dalle Università fino alla case farmaceutiche, al momento fra le più interessate alle potenzialità della sperimentazione in orbita. Bishop sarà un modulo commerciale permanente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ma potrà all’occorrenza essere rimosso per essere usato in piattaforme commerciali future, come previsto dal programma Space Outpost di NanoRacks. Potrà dislocare satelliti per un volume complessivo cinque volte più grande rispetto a quello attualmente disponibile sulla Stazione Spaziale Internazionale. Thales Alenia Space ha prodotto l’involucro pressurizzato e ha contribuito alla costruzione di numerose strutture secondarie, inclusi gli scudi per micrometeoriti e detriti orbitanti e i pannelli multistrato isolanti. “Siamo orgogliosi per questo passaggio – rimarca Walter Cugno, responsabile Esplorazione e Scienza di Thales Alenia Space – cooperare con NanoRacks è una grande opportunità per condividere i nostri oltre quarant’anni di esperienza nel settore spaziale e per aprire la strada a nuove opportunità di business in nuovi mercati”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LANZO – Sabato 21 settembre la biblioteca presenta La Druida di Margùn

Lungamente attesa e annunciata, sabato 21 settembre alle ore 16.30 presso il salone Atl di …

ASTI. Litiga col futuro cognato e lo accoltella, arrestato

Un 30enne albanese ha ferito a un braccio e alla spalla, con due coltellate, un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *