Home / Piemonte / TORINO. Sequestro d’armi: ripresa perquisizione hangar nel Pavese
digos

TORINO. Sequestro d’armi: ripresa perquisizione hangar nel Pavese

È ripresa stamani la perquisizione nell’hangar nei pressi dell’aeroporto di Rivanazzano Terme (Pavia) dove la Digos di Torino, nel corso di un’indagine su ambienti di estrema destra che ha portato all’arresto di tre persone, ha recuperato un missile aria-aria Matra e altro materiale. Gli agenti, insieme agli specialisti dell’esercito italiano, stanno procedendo con l’inventario del materiale da guerra e da sparo custodito negli scatoloni impilati su scaffali alti dieci metri. Sul materiale verrà effettuata una perizia balistica.

Sequestro armi: individuato precedente possessore missile

E’ stato individuato il precedente possessore del missile recuperato in un hangar nei pressi dell’aeroporto di Rivanazzano Terme (Pavia) nel corso di un’indagine della Digos di Torino su ambienti dell’estremismo di destra. Si tratta di un milanese, la cui posizione è ora al vaglio degli investigatori. Fino a due mesi fa il missile era in un capannone a Oriolo, nei pressi di Voghera. Alessandro Monti, svizzero di 42 anni, e Fabio Bernardi, italiano 51 anni, entrambi messi ai domiciliari, erano i proprietari dei due depositi. Fabio Del Bergiolo, 60enne di Gallarate vicino a Forza Nuova, cercava di vendere il missile e, secondo gli investigatori, si proponeva come intermediario chiedendo tra il 5 e il 10% del prezzo finale di vendita. L’uomo aveva contattato un’azienda che si occupa di transazioni nazionali e internazionali di armamenti italiani e un funzionario di un paese estero.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Polizia

TORINO: Polizia trova pistola in vano ascensore

Una pistola Akt-Ges calibro 6.35, con caricatore con cinque cartucce, è stata trovata dalla polizia …

Polizia

TORINO: Uccide la moglie con una limetta e poi chiama polizia

“Erano due persone tranquille e riservate. Vero è che lui sembrava un po’ strano ma, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *