Home / Piemonte / TORINO. Sanità: Saitta, “cambiare mentalità, rischio da eccesso esami”
antonio saitta
Antonio Saitta

TORINO. Sanità: Saitta, “cambiare mentalità, rischio da eccesso esami”

In Piemonte “il tema dell’appropriatezza delle prestazioni sanitarie è centrale per la Regione, Ci abbiamo lavorato fin dai primi giorni del nostro insediamento”. Così l’assessore alla Sanità Antonio Saitta, a proposito del decreto sulle ‘prestazioni inutili’.

“Lo abbiamo fatto con convinzione e non solo perché siamo, da anni, una Regione in piano di rientro. – prosegue Saitta – Migliorare il livello di appropriatezza é un passaggio obbligato, se vogliamo che il servizio sanitario nazionale regga e mantenga le caratteristiche di universalità che lo rendono da sempre uno dei migliori”.

“L’Italia è ai primi posti per numeri di Tac e risonanze magnetiche, superata solo da Grecia e Cipro – dice Saitta – il 22% di esami sono relativamente inappropriati, un altro 22% assolutamente inappropriati. Un esame su 3 non dovrebbe essere prescritto. In Piemonte si hanno 15,94 prestazioni sanitarie ambulatoriali per abitante, mentre lo standard nazionale è 12.

Nell’area di Torino ci sono forti abusi di prestazioni come quelli relativi alla Risonanza magnetica lombare”.

Secondo Saitta “questo eccesso di diagnostica non comporta solo costi vistosi per la sanità, ma rischi per i pazienti soprattutto per i soggetti più fragili che hanno difficoltà ad accedere ai servizi essenziali. C’è un grande lavoro culturale da portare avanti: bisogna incidere sulla mentalità dei politici, degli operatori sanitari, dei cittadini”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Leggi anche

influenza

Vaccinazione antinfluenzale “al via” dal 28 ottobre

Lunedì 28 ottobre parte la campagna stagionale di vaccinazione contro l’influenza. Come ogni anno, il …

TORINO. Consorzi rifiuti: allo studio una modifica della legge. L’accorpamento non sarà più obbligatorio 

La legge regionale 1 sui rifiuti sarà modificata e la nuova proposta potrebbe essere presentata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *