Home / Piemonte / TORINO. Sanità: M5S, su epatite C negate cure a 30mila pazienti
Sanità

TORINO. Sanità: M5S, su epatite C negate cure a 30mila pazienti

“Inaccettabile pensare che i 30 mila pazienti italiani affetti da epatite C e i circa 2 mila piemontesi, trattati farmacologicamente nel 2015, potevano essere il doppio a parità di costo”: così i consiglieri regionali del M5S, Davide Bono e Gianpaolo Andrissi. “I contratti con le aziende produttrici dei farmaci anti Epatite C – spiegano – prevedevano una clausola prezzo-volume che avrebbe dimezzato il costo del singolo trattamento nel caso in cui si fossero superati i 50 mila pazienti trattati sul totale di 1 milione di malati a livello italiano”.

“La pianificazione ed il coordinamento dei centri di trattamento dell’Epatite C nelle varie regioni sono completamente mancati – osservano i consiglieri – Il ministero della salute è stato a dir poco assente e lo stesso dicasi per i vari responsabili della sanità regionali guidati in Conferenza stato regioni proprio dal nostro assessore alla sanità Saitta.

In questo modo abbiamo tolto una speranza di guarigione da una malattia terribile a 30 mila persone e abbiamo creato un danno finanziario ingente al sistema sanitario nazionale.Quanto ci costa questa leggerezza dei nostri politici nazionali e regionali?Considerando infatti un costo medio ridotto a 15 mila euro a trattamento avremo una cifra di quasi mezzo miliardo di euro bruciata. Ora ci chiediamo chi sono i responsabili? Uno di questi, senza dubbio, – sostengono i pentastellati -risponde al nome di Antonio Saitta”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

LANZO – Riflessioni sulla pandemia dalle Valli di Lanzo

Sono le minoranze più rumorose, lo sappiamo bene, a farsi notare di più in ogni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *