Home / Piemonte / TORINO. Ruba in supermarket, patteggia ma fa annullare sentenza
Procura

TORINO. Ruba in supermarket, patteggia ma fa annullare sentenza

Viene sorpreso mentre tenta di rubare in un supermercato quattro bottigliette di liquore, due mesi dopo patteggia una condanna in tribunale ma poi ricorre in Cassazione e riesce a fare annullare la sentenza, che lui stesso – tramite il suo avvocato – aveva concordato con il giudice.
E’ una vera e propria “impresa” quella compiuta da Michele G., italiano, 48 anni, originario di Castellammare di Stabia, processato a Torino per un episodio che risaliva al 20 aprile 2018. La Suprema Corte respinge quasi sempre – con motivazioni assai succinte – i ricorsi contro i patteggiamenti. Nel caso di Michele G., però, ha dovuto accogliere i rilievi dell’avvocato difensore.
L’uomo era stato indagato per rapina aggravata. Il legale però ha fatto presente che “sulla base della giurisprudenza più recente” bisognava procedere per tentata rapina, e gli ‘Ermellini’ gli hanno dato ragione: il giudice che aveva accolto la proposta di patteggiamento ha commesso “un errore di diritto” e, quindi, bisogna rifare tutto da capo.
Michele G., secondo le carte processuali, aveva ‘colpito’ in un Carrefour a Torino, sottraendo quattro bottiglie dai banchi espositori e infilandosele nelle tasche. All’uscita, però, era scattato l’allarme antitaccheggio e gli addetti alla vigilanza erano intervenuti, bloccando l’uomo dopo averne vinta la resistenza,.
Il “principio di diritto” richiamato dalla Cassazione è che si deve parlare solo di tentata rapina perché l’autore del gesto “non ha conseguito neppure momentaneamente l’autonoma ed effettiva disponibilità della refurtiva”, che “non era ancora uscita dalla sfera di vigilanza e di controllo” del supermercato.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Il sindaco Mauro Nicolino

Elezioni, Nicolino è indeciso: “Terzo mandato? E i giovani?”

Mauro Nicolino non ha ancora deciso. Le elezioni comunali sono alle porte, ma tutto è …

SETTIMO. Lutto per l’ex Consigliere Comunale Michele Marchitto

Simone Corradengo, giornalista e nipote dell’ex consigliere comunale Michele Marchitto, ci ha inviato l’articolo per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *